Addio a Villa Scavone di Asuncion? — Lombardi nel Mondo

Addio a Villa Scavone di Asuncion?

La prestigiosa testimonianza della presenza italiana nella città rischia di scomparire: la protesta dei cittadini

Asunción – Sarà demolita Villa Scavone di Asuncion? La cittadinanza della capitale paraguayana teme per le sorti dell’edificio che ricorda un’antica presenza italiana nella città e ha portato la sua denuncia al Comune.

 

Il progetto sarebbe già in stato avanzato e, secondo la cittadinanza che ha anticipato la sua denuncia al quotidiano nazionale ABC, un grosso autosalone dovrebbe prendere il posto della villa che è già stata dichiarata patrimonio urbanistico e architettonico della città.

 

Il comitato dei cittadini che si è mosso a difesa dell’edificio fa presente che si tratta di uno dei maggiori esempi della Asunción degli anni Venti che è censita nel registro degli edifici di valore da proteggere e che pertanto non può essere demolita.

 

Furono i fratelli Domenico, Michele y Laviero Scavone a volere la costruzione della villa: la affidarono all’architetto Mateo Talia, uno dei più importati del periodo nel paese sudamericano, formatosi all’estero nelle migliori scuole di architettura. I tre fratelli italiani vollero la loro casa in stile neoclassico italiano, circondata da giardini con fontane e sculture: si è conservata intatta come era stata costruita.

 

Secondo ABC, di sicuro si sa che la Villa è stata venduta, mentre l’Oficina de Patrimonio Histórico della Municipalidad non avrebbe confermato che ci siano pratiche in corso per la trasformazione d’uso della villa.

 

 

News ITALIA PRESS 

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento