Campagna di pressione per il salvare il popolo indios brasiliano degli Awà-Guajà — Lombardi nel Mondo

Campagna di pressione per il salvare il popolo indios brasiliano degli Awà-Guajà

La terra degli Awá sta ancora aspettando il riconoscimento e le crescenti usurpazioni perpetrate da allevatori, coloni e fautori di progetti industriali, espongono gli Awá sopravvissuti a continue violenze e malattie

Gli Awà-Guajà sono indios brasiliani, in parte dediti alla caccia e alla raccolta di frutta selvatica; altri, invece, hanno mantenuto uno stile di vita nomade e si spostano con molta frequenza.

I loro territori fanno gola ai fazendeiros (latifondisti) che, tramite killers assoldati, costringono il popolo degli Awà-Guajà a spingersi sempre più dentro la foresta. Durante gli ultimi 100 anni, gli Awá sono stati vittime di un feroce e sistematico sterminio, perpetrato dagli allevatori di bestiame e dai coloni e di cui non si conosce la portata e i numeri.

 

Attualmente gli indios sono relegati in quattro villaggi. La terra degli Awá sta ancora aspettando il riconoscimento e le crescenti usurpazioni perpetrate da allevatori, coloni e fautori di progetti industriali, espongono gli Awá sopravvissuti a continue violenze e malattie.

Gli Awá sono oggi in serio pericolo di estinzione.

 

Survival International e la congregazione dei Missionari Comboniani del Brasile Nord Est stanno agendo a livello politico dialogando direttamente con il governo brasiliano chiedendo la demarcazione urgente del territorio degli Awa-Guajà, prima che si verifichi l’ennesimo etnocidio, in conformità all’ordinanza 373/92.

 

FIRMA ANCHE TU!

 

Copia il testo qua sotto da inviare a:

 

gabinetemj@mj.gov.br

(copiate e incollate questo testo all’interno di un messaggio di posta elettronica o di un documento word da stampare ed inviare agli indirizzi disponibili)

 

Nome e cognome

Indirizzo

Città – Italia

 

Oggetto: Restituite la terra agli Awà Guajà

 

Ex.mo Ministro da Justiça

 

Il popolo degli Awà Guajà è perseguitato da fazendeiros, allevatori, imprese di legname pregiato e rischia l’estinzione. Attualmente è costretto a vivere in quattro villaggi mentre il suo territorio si estende per ben 118.000 ettari. Con la presente, chiedo formalmente che venga rispettata l’ordinanza 373/92 e che venga, quindi, restituito agli indios Awà Guajà un territorio di 118.000 ettari. Chiedo altresì la rimozione degli invasori da suddetto territorio.

 

Certo di un Vostro positivo riscontro, distintamente saluto.

 

http://oknotizie.alice.it/go.php?us=40504a30e7e04897

 

 

 

 

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020