Expo 2015: Brasile ha firmato il contratto di partecipazione — Lombardi nel Mondo

Expo 2015: Brasile ha firmato il contratto di partecipazione

“La partecipazione del Brasile, per le dimensioni, il profilo e l’impegno sulla scena internazionale, è un fatto qualificante per la nostra rassegna. Siamo molto contenti, ho espresso la speranza che siano non solo le imprese e gli enti a partecipare all’Expo, ma vogliamo anche molti visitatori dal Brasile in Italia nell’estate 2015” afferma il Segretario generale della Farnesina, Michele Valensise

“Oggi il Brasile ha firmato il contratto di partecipazione all’Expo 2015, oggi c’è qualcosa in più da festeggiare. Il Brasile è un grande paese, l’Expo sarà una grande rassegna”. Lo ha detto il Segretario generale della Farnesina, Michele Valensise, a margine del V Consiglio italo-brasiliano. “L’Italia ha già un numero consistente di paesi partecipanti, sono già oltre 130. La partecipazione del Brasile, per le dimensioni, il profilo e l’impegno sulla scena internazionale, è un fatto qualificante per la nostra rassegna. Siamo molto contenti, ho espresso la speranza che siano non solo le imprese e gli enti a partecipare all’Expo, ma vogliamo anche molti visitatori dal Brasile in Italia nell’estate 2015, e vorremmo che approfittassero non solo di Milano ma di tutte le bellezze italiane”. Da parte del governo brasiliano, ha aggiunto il suo omologo, Eduardo dos Santos, “possiamo dichiarare che i preparativi per l’Expo 2015 sono già in corso, sarà indubbiamente una bellissima partecipazione e sarà un’ulteriore occasione per approfondire i rapporti tra i due paesi”, anche in vista della candidatura di San Paolo per l’Expo 2020.

Valensise ha quindi sottolineato come ci sia una “grande attenzione per tutto quello che riguarda la cooperazione a livello imprenditoriale” tra i due paesi. “Abbiamo un record di imprese italiane presenti in Brasile, sono già 830. Vogliamo creare le condizioni per maggiori scambi di imprese e investimenti, non solo di quelle italiane verso il Brasile, ma vogliamo anche attrarre imprese brasiliane a investire e lavorare nel nostro paese”. Nel corso dell’incontro alla Farnesina “abbiamo citato il piano ‘Destinazione Italia’, che si articola attraverso una serie di misure molto concrete per attrarre investimenti. E sono contento perché gli amici brasiliani hanno registrato con interesse e attenzione” questa iniziativa”. Oltre alla cooperazione economica, ha aggiunto dos Santos, “mi preme dare risalto ai progressi fatti dalla cooperazione scientifica tra i due paesi. In particolar modo nell’ambito del programma ‘scienza senza frontiere’. Siamo particolarmente riconoscenti al governo italiano, alle università e agli istituti scientifici per il sostegno che hanno dato a questo programma”.

 

Fonte: www.ilvelino.it

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento