Cartoline (33) — Lombardi nel Mondo

Cartoline (33)

Il Museo dello Spazzacamino di Santa Maria Maggiore (Val Vigezzo, Verbania), inaugurato nel 1983 e rinnovato nel 2005, presenta un particolare approccio storico-sociale al mondo degli spazzacamini.
Cartoline (33)

Spazzacamini

Quello dello spazzacamino (o «fumista») è un mestiere plurisecolare, pesante, pericoloso e tra i più miseri. Sono molti i luoghi dell’Italia alpina e prealpina originari di dinastie di spazzacamini che hanno percorso l’Italia settentrionale e l’Europa nei secoli compresi tra il 1500 e il 1900. Il ruolo dei bambini in questa professione girovaga è rilevante. Sono loro che, alle dipendenze di un principale, malnutriti e sfruttati, in età compresa tra i sei e i dodici – tredici anni, si calano all’interno delle canne fumarie per eliminare croste e fuliggine. Spesso vi calavano la «squareta» o «riccio», attrezzo metallico a forma di raggiera.

Questi alcuni degli strumenti utilizzati dagli spazzacamini:

il «brischetin» o scopino;

la «squareta», una canna con in cima il riccio;

la «caparüza», sacchetto che riparava il capo dalla fuliggine;

il «sach», sacco per riporre la fuliggine;

la «raspa», spatola metallica con la quale si puliva l’interno delle canne fumarie.

La Val Vigezzo, a partire dal XVI e fino a tutta la prima metà del XX secolo, è stata una delle valli alpine che ha fatto di questa professione una delle maggiori risorse per la sopravvivenza di chi rimaneva nei paesi. In piccoli gruppi gli spazzacamini si disperdevano per paesi e città, in Italia e Oltralpe. A questa attività si aggiungeva a una rilevante emigrazione che, dal 1500, interessò tutta la valle. Venditori ambulanti, imbianchini, peltrai, speditori, mercanti si sparsero per Francia, Olanda e Germania sino a raggiungere, nel giro di due-tre generazioni una rilevante condizione economica nelle città in cui risiedevano. In questa valle vedono la luce i Mellerio (Parigi), Cioja (Parigi), Feminis (Colonia), Farina (Colonia, Düsseldorf e Parigi), Cantadore (Düsseldorf)…, solo per citare alcune casate che appartengono alla storia culturale ed economica europea.

Il Museo dello Spazzacamino di Santa Maria Maggiore (www.museospazzacamino.it), inaugurato nel 1983 e rinnovato nel 2005, presenta un particolare approccio storico-sociale al mondo degli spazzacamini. Una proposta che non cancella «l’altra emigrazione» vigezzina: quella degli ambulanti, mercanti e spedizionieri che giungerà a svolgere professioni (gioiellieri, banchieri, rinomati speditori e mercanti a Parigi, Amsterdam, Colonia e Düsseldorf) quasi a rinverdire l’epoca delle attività italiche medievali in Europa.

 

 

Cartoline, rubrica a cura di L. Rossi (Bochum)

www.luigi-rossi.com

 

«Cartoline» desidera proporre, a chi segue Lombardi nel Mondo, momenti e avvenimenti, curiosità e personaggi, opere e luoghi legati alla storia della presenza italiana e lombarda nel mondo e dell’immigrazione.

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento