Caravaggio alle scuderie del Quirinale — Lombardi nel Mondo

Caravaggio alle scuderie del Quirinale

Una mostra dedicata al celeberrimo e celebratissimo “genio lombardo” del Caravaggio in un’ottica radicalmente innovativa e aggiornata. È quella che le Scuderie del Quirinale di Roma ospiteranno dal 19 febbraio al 13 giugno 2010

Roma:  – Una mostra dedicata al celeberrimo e celebratissimo “genio lombardo” del Caravaggio in un’ottica radicalmente innovativa e aggiornata. È quella che le Scuderie del Quirinale di Roma ospiteranno dal 19 febbraio al 13 giugno 2010, ideata dal soprintendente Claudio Strinati, affiancato dai commissari Rossella Vodret e Francesco Buranelli.

 

 

In anni recenti, il gran numero di ricerche, studi, esposizioni e interventi sulle vicende biografiche e artistiche di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio (1571-1610) ha confermato l’universale e crescente interesse intorno alle vicende artistiche del pittore e al suo ruolo cardine all’interno della storia dell’arte degli ultimi quattrocento anni. è questo lo sfondo e il clima in cui è nata l’idea di una nuova e ambiziosa, pur nella sua “semplicità”, iniziativa espositiva. Una mostra lineare ed emozionante, immaginata secondo un criterio assolutamente rigoroso, presentata al pubblico in un percorso sintetico, non antologico, incentrato sulle sole opere “capitali”, vale a dire sulle sole opere di Caravaggio storicamente accertate.

La scelta di privilegiare l’autografia sicura dei dipinti ha portato a escludere la produzione variamente riferita alla sua “bottega”, così come sono state poste a margine, quasi lasciate momentaneamente in sospeso, le “ulteriori versioni” e tutte le questioni sulle quali la critica del Novecento si è più volte confrontata – e continua a farlo – con pareri non sempre concordi. Il risultato finale è un percorso coerente e rigoroso che getta una nuova luce sui diversi momenti del sofferto iter evolutivo del linguaggio di Caravaggio: un percorso emozionante e cristallino che depura ed esalta l’eccezionalità e unicità della sua opera.

In mostra opere tra le più rappresentative dell’artista lombardo come il Bacco dalla Galleria degli Uffizi di Firenze, Davide con la testa di Golia dalla Galleria Borghese di Roma, I musici dal Metropolitan Museum di New York, il Suonatore di liuto del Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo, l’Amor vincit omnia dallo Staatliche Museum di Berlino e altri capolavori dai più importanti musei d’Italia e del mondo; una sorta di omaggio all’unicità dell’opera di Caravaggio proprio nell’anno dedicato alle celebrazioni per i quattrocento anni dalla morte del maestro lombardo.

La mostra delle Scuderie del Quirinale si pone, quindi, come un nuovo e appassionato momento di riflessione, un’occasione unica per penetrare l’essenza dell’arte del pittore “terribilmente naturale”, il suo rivoluzionario e sbalorditivo criterio di naturalismo, la sua ostinata, seppure dialettica, deferenza al vero, irriducibile a schemi e a scuola, solitaria nella sua grandezza e poesia.

Il progetto, ideato per celebrare il IV centenario della morte del grande artista e posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, nasce sotto l’egida e per volere della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Roma.

 

Fonte: (aise)

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento