Crescere italiano in Australia. Ivo Vellar racconta la sua storia — Lombardi nel Mondo

Crescere italiano in Australia. Ivo Vellar racconta la sua storia

Dopo aver già pubblicato, lo scorso febbraio, “ From Camporovere to Carlton: The Story of Five Families” Ivo Vellar continua a raccontare la sua storia e quella della sua famiglia in un altro volume recentemente presentato da Tony Pagone, giudice della Corte Suprema del Victoria, presidente del Co.As.It, presso l’Italian Historical Society, Co.As.It di Melbourne.

Dopo aver già pubblicato, lo scorso febbraio,  “ From Camporovere to Carlton: The Story of Five Families” Ivo Vellar continua a raccontare la sua storia e quella della sua famiglia in un altro volume recentemente presentato da Tony Pagone, giudice della Corte Suprema del Victoria, presidente del Co.As.It, presso l’Italian Historical Society, Co.As.It di Melbourne.

Mentre nella sua prima opera il prof. Vellar narrava la storia dei Vellar e quella degli altri rami della famiglia fra cui gli Ziotti e i Bonnato e la loro emigrazione in Australia, in “Adventures in two worlds”, si concentra nelle vicissitudini della sua famiglia e della sua storia personale, un’autobiografia che desta nei lettori memorie e ricordi simili.

 

Il piccolo Ivo arrivò in Australia da Camporovere, un villaggio dell’altopiano di Asiago, Veneto,   nel dicembre 1938 con la nave Otranto insieme alla mamma Maria (Mariska), il papà Fortunato e la sorella Francesca; aveva quattro anni, indossava un completo “alla marinara”, e dopo gli abbracci dei famigliari venuti a incontrarli fu condotto nella casa dello zio a Faraday St. Carlton. Dopo le elementari presso la St Georges School di Carlton e le superiori al St. Joseph College di North Melbourne e l’anno 12 al St. Kevin’s College di Toorak, frequentò la facoltà di medicina presso la Melbourne University, laureandosi presso la Clinical School del St. Vincent’s Hospital nel 1957 con il punteggio più alto di tutti i suoi colleghi. Dal 1962 al 1967 il giovane Ivo è in Inghilterra per perfezionarsi in chirurgia e di ritorno a Melbourne al St. Vincent’s Hospital diventa “senior surgeon” e professore di chirurgia. 

Il suo è un viaggio attraverso due mondi: quello italiano e quello australiano in cui è cresciuto: dall’infanzia, all’adolescenza, alla maturità e lungo il viaggio racconta non solo le sue esperienze e quelle dei famigliari e amici ma anche descrive vivamente con pacato umorismo  vignette i cui protagonisti sono personaggi, luoghi e eventi di una Carlton di un tempo.

Tutto un mondo che è oggi quasi scomparso ma che molti lettori riconosceranno, identificandosi con alcune delle situazioni di quel periodo  come quando dopo l’entrata in guerra dell’Italia in Europa,  i Vellar, come tanti italiani in Australia furono considerati  “nemici” e il papà Fortunato dovette lasciare la casa mentre la madre doveva presentarsi  alla polizia di Carlton ogni settimana.

Il racconto si sposta quindi nel mondo della medicina e degli ospedali dove il giovane studente iniziò la sua carriera; molti gli aneddoti che mostrano un altro lato dell’ Ivo Vellar, brillante studente e in seguito medico e chirurgo, quello di  un uomo sensibile e attento agli aspetti umani della sua professione, orgoglioso di essere italiano.  Il volume ha come sottotitolo “My Battles with the D word”, dove la “d” sta per la parola “dago” che veniva usata in quel tempo come dispregiativo verso gli italiani.  L’autore racconta alcune circostanze in cui viene a contatto con i pregiudizi e la discriminazione razziale, e repentina è la sua reazione, (forse come spiega nel libro anche lui è dotato di un temperamento focoso come tutti i Vellar:) raccontando: “Mi sono girato e l’ho preso per la gola spingendolo verso la parete, dicendo a voce alta in modo da farmi sentire da tutti, che se lo avessi sentito  ancora una volta pronunciare quella parola, lo avrei acconciato per le feste…”.

Un’attitudine che l’autore spiega nell’ultimo capitolo del volume e che lo ha portato sempre a combattere ogni forma di pregiudizio razziale, mostrandosi sempre orgoglioso delle sue radici  italiane.

Il prof. Ivo Vellar ha pubblicato inoltre diversi volumi sulla storia della medicina e della chirurgia al St. Vincent’s Hospital.

“Adventures in two worlds- My Battles with the D word” , è un’autobiografia che va al di là del racconto personale , è per il lettore un’opportunità di affacciarsi alla finestra dell’emigrazione italiana in Australia di un tempo, che vive nella memoria di molti e nella storia italiana e australiana. Il volume è ottenibile presso l’Italian Historical  Society, Co.As.It e i proventi della pubblicazione sono devoluti in beneficenza a istituzioni italiane.

 

GABRIELLA G. HUBBARD 

 

http://italianmedia.com.au/w3/index.php?option=com_content&view=article&id=319%3Acrescere-italiano-in-australia&catid=7%3Adal-victoria&lang=it

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento