L’emigrazione lombarda nel Nord America — Lombardi nel Mondo

L’emigrazione lombarda nel Nord America

Un’intervista ad ampio raggio con Ernesto Milani, storico e studioso dell’emigrazione dalla Lombardia verso gli Stati Uniti e il Canada: dal Missouri al Vermont, dall’Illinois all’Ontario, mantenendo vive le radici lombarde.

Intervista con Ernesto Milani, storico e studioso dell’emigrazione lombarda in Nord America

 

Qual è la tua formazione nell’ambito della ricerca storica sull’immigrazione lomabarda negli Stati Uniti?

Ho scritto la mia tesi di laurea sulle società di mutuo soccorso italiane negli Stati Uniti, in particolare un lavoro di ricerca su un’associazione lombarda a Boston, la Subalpina Mutual Society. Poi ho comincato a raccogliere libri, cartoline e altro materiale sul tema.

Il primo lavoro importante che ho svolto è stato riguardante l’emigrazione italiana (in particolare, marchigiana e veneta nelle piantagioni del sud del Mississipi). Da quella data in avanti, ho svolto molti lavori di ricerca sul tema.

Inoltre frequento dal 1976 l’AIA, Associazione Italo-Americana e ho contatti con gli storici che compongono quest’importante associazione.

Come è la mappa dei lombardi negli Stati Uniti?

I lombardi che sono arrivato negli Stati Uniti negli anni dell’emigrazione di massa erano soprattutto minatori e manovali. Le principali destinazioni verso cui si è concentrata questa emigrazione sono St Louis nel Missouri, Herrin e Rockford nell’Illinois, Barre nel Vermont, Iron Mountain nel Michigan, Walla Walla  nello stato di Washington e poi nel Texas, a San Francisco (in particolare nella zona di San Rafael), nel New Mexico e in Arizona

In Canada, invece, si è concentrata nell’Ontario, nelle miniere di carbone al confine tra l’Alberta a la British Coloumbia e lungo la ferrovia che collegava Montreal a Victoria

L’emigrazione di più forte è stata dal 1880 al 1920. Solo per citare un esempio che dà la misura dell’importanza del fenomeno, da Cuggiono sono partite verso il porto di New York circa 1700 persone in un’epoca in cui questo paese aveva circa 4000 persone.

In Canada, l’emigrazione è stata forte anche nel dopoguerra, soprattutto dalla provincia di Brescia e di Bergamo.

Come è organizzato l’associazionismo lombardo negli Stati Uniti?

Esiste una certa organizzazione, ma è inferiore che altrove. La mia esperienza mi dice che le associazioni più organizzate sono quelle di St.Louis e di Harrin, dove la presenza di minatori lombardi era molto forte. St.Louis era effettivamente una piccola Italia, e spesso l’associazionismo nasceva per creare Istituti di Mutuo Soccorso, quindi per esempio al fine di condividere un medico in comune.

In che forma si mantiene l’identità lombarda all’interno di queste comunità?

La tradizione lombarda in qualche forma si è mantenuta: per esempio a St.Louis c’è una chiesa decicata a Sant’Ambrogio (St.Ambrose). I valori lombardi sono anche i valori della famiglia che si conservano. Spesso rimane una certa conoscenza del dialetto, magari rimane nei soprannomi che si mettono le persone. Inoltre, oggi questi lombardi rientrano sovente in Italia, nella loro regione d’origine, e questo aiuta a rafforzare, rinsaldare i legami. Tutto questo è ancora più vero se consideriamo che oggi il recupero della lombardità o dell’italianità non è più un fatto negativo ma fa parte della loro vita.

In Canada il mantenimento dell’identità è più relativo, dal momento che numericamente i lombardi sono sempre stati meno.

Qual è la situazione sociale, economica dei nostri emigrati?

E’ difficile generalizzare. In ogni caso, a St.Louis, per esempio, l’integrazione è stata molto lenta, gli italiani sono rimasti proletari fino alla fine della seconda guerra mondiale. Da quel momento in poi, le cose sono cambiate e gli italiani oggi fanno i lavori più disparati.

Ovviamente, le nostre comunità sono molto impegnate nella ristorazione, come vuole la tradizione italiana in generale.

Esistevano pregiudizi (positivi o negativi) nei confronti delle nostre comunità, nel momento in cui queste sono arrivate e hanno iniziato a integrarsi con il tessuto sociale locale?

Forse c’è stato, ma in realtà il pregiudizio era soprattutto nei confronti dei meridionali, quindi i lombardi non sono stati condizionati più di tanto da questo fattore. Ad esempio, ad Ellis Island (l’isola che funzionava come stazione di smistamento per gli immigranti a New York) gli italiani all’arrivo venivano divisi tra meridionali e settentrionali, e anche all’interno dei settentrionali c’erano differenze, per cui per esempio i trentini venivano smistati insieme ai tirolesi.

L’emigrazione lombarda negli Stati Uniti è un argomento che è stato sufficientemento analizzato oppure ancora molti studi dovrebbero essere portati avanti per dare un quadro più completo di questa realtà?

Gli studi sono numerosi però più a livello individuale e provinciale che organico. Esiste anche il problema di salvare storie che si vanno perdendo, problema rispetto al quale però è oramai tardi intervenire, per l’ovvio motivo che queste storie si perdono quando scompaiono le persone che le tramandano oralmente.

E l’emigrazione lombarda di oggi negli Stati Uniti?

E’ un’emigrazione completamente diversa: è un’emigrazione di professionisti, ricercatori, insegnanti o di persone che hanno impiantato aziende. Esiste poi anche l’emigrazione di coloro i quali vogliono cambiare vita e mettersi alla prova in ambienti completamente nuovi: non parliamo di grandi numeri, ma è in ogni caso un fenomeno anche questo. 

 

Fabio Veneri

 

Nella foto in alto, la chiesa italiana di Sant’Ambrogio a St.Louis. Nella foto in basso, Ernesto Milani.

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento