INDONESIA, il grande privilegio delle Mentawai – Parte I — Lombardi nel Mondo

INDONESIA, il grande privilegio delle Mentawai – Parte I

Il nostro collaboratore e viaggiatore nel mondo Ferruccio Brambilla ora si fa anche viaggiatore nel tempo. La lettura di una rivista gli fa andare i ricordi a un suo viaggio avventura nel 2006 in Indonesia. Gli appunti di quel viaggio, chissà perché, gli sono rimasti nel cassetto, ma restano molto interessanti e meritano di essere pubblicati.

Ieri sera sulla rivista Orizzonti, ho letto il diario di viaggio di un certo Francesco, un tale che nel 1991 aveva avuto la fortuna di trascorrere un lungo periodo alle isole Mentawai, con il leggendario Pastor Pio di Padang durante uno dei suoi viaggi nella foresta.

Leggendo il suo racconto mi è tornata alla memoria l’identica avventura che avevo vissuto nel 2006, prima a Jakarta ospite degli amici Laura e Franco, poi durante la straordinaria esperienza proprio alle isole Mentawai, un arcipelago che si trova a circa 150 chilometri dalla costa occidentale di Sumatra. Per la spedizione avevo avuto il privilegio della compagnia di Pio, in visita alle tribù Sakuday di Sikabaluan, gli ultimi eredi della cultura Mentawai, che lui frequentava ormai da anni e per i quali aveva edificato alcune scuole.

Durante la permanenza sulle isole, ovviamente mi ero preso alcuni appunti, come sempre senza capo né coda, appunti mai divulgati non so perché, ma che ora mi sono deciso a raccogliere nelle pagine che vi allego… Come dicevo era il 2006, il mio secondo viaggio importante dopo i tre mesi in Brasile.

Ricordo che mentre ero intento a scrivere, mi si avvicinò un bambino, uno dei figli dello stregone Aman Lau Lau, il capo tribù. Osservava incuriosito il foglietto bianco sul quale scrivevo, poi mi guardava negli occhi con aria interrogativa. Ho allora ceduto a lui la matita e guidando la sua mano gli ho mostrato che il miracolo lo poteva fare anche lui. Ha scarabocchiato un po’ divertito, poi mi ha sorriso incredulo ed è scappato via felice, anche se non aveva avuto alcuna risposta ai suoi mille interrogativi…

 

Jakarta con Laura e Franco


Le ultime cose che mi restano da fare a Milano sono l’assicurazione sanitaria ed il biglietto aereo. Ma si fa presto a dire vado alla Asl per l’estensione della copertura assicurativa in Indonesia e alla Thai ad acquistare il volo… Alla Asl fanno sapere che per l’Indonesia non vi e’ convenzione alcuna, per cui occorre fare l’assicurazione privata. Vado quindi da Europassistance per una polizza viaggi della durata del permesso di soggiorno, 90 gg. Poi alla compagnia aerea Thai dove acquisto il biglietto Milano Jakarta via Bangkok per il giorno dopo. Una visitina al consolato per qualche ulteriore suggerimento poi sono pronto, penso. Alla EuropAssistence mi fanno presente che la mia permanenza di 92 giorni non potra’ essere coperta totalmente perche’ la polizza e’ della durata di soli 90 giorni, tuttavia mi informano che qualora avessi pagato il volo con carta di credito, sarebbe stata American Express ad assicurare, almeno il bagaglio. Vado cosi’ alla sede Amex per chiedere quanto sarebbe assicurato il bagaglio in caso di smarrimento. Confermano che esiste la copertura assicurativa ma a patto che avessi pagato il volo con la carta madre… insomma una serie di inconvenienti che mi fanno perdere un sacco di tempo… e devo ancora preparare il bagaglio che, siccome deve essere come sempre leggero, richiede una certa cura e preparazione “ad incastro”.

Si trascorrono anche così le giornate a Milano… tra un viaggio e l’altro. Per non parlare delle prenotazioni obbligatorie alle compagnie aeree anche se solo per il volo di andata, delle pratiche ai consolati ed ambasciate + tutte le altre incombenze di chi passa più tempo fuori che in Italia.

 

Volo Thai perfetto con tanto di orchidea regalo, che decido di portare all’amica Laura. Ad attendermi all’arrivo a Jakarta il mio amico Franco con una macchina che può sembrare un piccolo bus ma che in realtà è un mezzo come se ne vedono tanti qua. La piu’ piccola delle loro auto e’ l’equivalente di un suv da noi, nonostante il traffico perennemente congestionato di questa città invivibile. Noto che non vi sono pedoni per le strade ed il mio amico mi fa notare che in effetti non ne esistono… Qua ti devi muovere come minimo con un motorino, se non ce l’hai col mototaxi, non ci sono marciapiedi ed i pedoni non avrebbero lo spazio per muoversi da un posto all’altro, se non nell’isola a loro riservata, ma solo in centro città.

 

La casa in riva al mare e’ il brano di Lucio Dalla che Franco va ricercando da parecchio tempo su internet, che oggi abbiamo trovato e scaricato! Lui è tecnologicamente molto avanzato, usa già l’I-pod da 60 giga e telefona con skype ai figli Davide e Giulia ora in Inghilterra per studio, l’unica figlia presente e’ la piccola Francesca, molto dolce. Colazione del mattino in casa con mango + corn flakes con latte freddo + Jus Jeruk Dengan Bulik succo 100% arancia, prodotto a Bandung, Lait Prais Susu Segar, latte of New Zeland, the preparato with pure honey, miele della Malaysia, marronata di castagne provenienti da Boschetti di Ronco d’Adige in provincia di Verona (cosa c’entra?) piu’ una lunga sequenza di biscotti strani ma molto buoni… L’ultima colazione in Italia l’avevo consumata all’aeroporto di Malpensa ed era a base di acqua con tre bustine di zucchero per tirare avanti un po’… non mi andava altro.

 

Franco ogni mattina accompagna la moglie Laura al lavoro ed io con loro. Nel tragitto casa – Who (World Health Organization), passiamo dalla Jl Fatma Wati dove si trova un sacco di gente di tutte le eta’ e di tutte le condizioni sociali. Sono in attesa di essere caricate, dietro compenso, a bordo delle auto sulle quali viaggia una sola persona, perche’ da un certo punto della via in poi, se non si viaggia almeno in tre su ogni auto, si viene multati. I mercenari del traffico, dopo il percorso in un senso di marcia scendono e ricevuta una piccola ricompensa, si rimettono ad attendere altri automobilisti soli per il tragitto in senso inverso …si vive anche così in Java, isola dove si trova Jakarta, insetti ed animali di ogni tipo e dimensione, sono dappertutto!

 

(fine I Parte – continua)

 

Ferruccio Brambilla

Milano tel +39 348 8279 062

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento