Festa dell’Emigrante di Magnacavallo: terminati i lavori preliminari per il Museo dell’Emigrazione Lombarda — Lombardi nel Mondo

Festa dell’Emigrante di Magnacavallo: terminati i lavori preliminari per il Museo dell’Emigrazione Lombarda

Ad annunciare il countdown per l’apertura del sito museale e’ stato il Sindaco del paese mantovano, Arnaldo Marchetti. Il Presidente dell’Associazione Mantovani nel Mondo, Daniele Marconcini: “Costruire per superare il terremoto”.

Almeno duemila emigranti verso il Brasile tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento: tanto basta a Magnacavallo per essere stata insignita del titolo di Città Capitale dell’Emigrazione Lombarda e Mantovana.

Nella giornata di Domenica, 9 Settembre, ha avuto luogo la Festa dell’Emigrante, organizzata, come di consueto, da 22 anni ad oggi, presso il Comune della bassa mantovana.

A fare gli onori di casa e’ stato il Sindaco, Arnaldo Marchetti, che ha annunciato la fine dei lavori per il Museo dell’Emigrazione lombarda.

Il centro museale, che sara’ ospitato presso locali un tempo adibiti a scuola elementare, sara’ il primo museo del suo genere dedicato unicamente all’emigrazione lombarda nel Mondo.

Come comunicato dal Sindaco di Magnacavallo, Arnaldo Marchetti, il museo ha subito ritardi nell’apertura a causa del terremoto che, nel Maggio 2012, ha colpito il basso mantovano.

Oltre a 13 famiglie ancora senza abitazione, a Magnacavallo la chiesa e la palestra adibita ad attività ricreative sono lesionate e, quindi, ad oggi inagibili.

“Siamo riusciti ad ottenere un finanziamento dalla Regione – ha dichiarato Marchetti – entro settembre 2013 il museo sara’ pronto. Siamo gente che non si lascia demoralizzare dagli eventi sismici, che comunque ci hanno costretto a destinare le risorse previste per il museo ad altre priorità, come la messa in sicurezza delle scuole”.

Il Presidente dell’Associazione Mantovani Nel Mondo, Daniele Marconcini, grazie al cui ruolo il Museo dell’Emigrazione ha potuto essere realizzato, ha sottolineato l’importanza del patrimonio materiale finora accumulato dall’Associazione da lui presieduta, ed ha illustrato come il Museo dovrà entrare a far parte della rete museale regionale e nazionale.

Dopo avere sottolineato la necessita’ di ricostruire per superare il terremoto, e la straordinaria attualità che ha il tema dell’Emigrazione in Italia – dalla Lombardia sono centinaia i giovani laureati che emigrano all’estero –  il Presidente dell’Associazione Mantovani Nel Mondo ha annunciato la presenza di giovani stagisti americani nel museo grazie alla partnership con la fondazione statunitense Filitalia, di cui lo stesso Marconcini e’ Governatore del Distretto Italia.

“Il museo conterrà bacheche multimediali – ha dichiarato il Direttore Scientifico del Museo dell’Emigrazione Lombarda, Ernesto Milani – una sala sara’ dedicata all’emigrazione in Brasile, di cui Magnacavallo e’ ricca. Un’altra verterà sull’emigrazione mantovana in Italia, tema finora poco studiato, ed uno spazio conterrà reperti della Diaspora mantovana sconosciuta, ossia quella all’interno della Lombardia”.

Tra i partecipanti alle celebrazioni, particolare rilevanza ha avuto la testimonianza della Signora Maria Gabriella Paganella: nata ad Ostiglia, dove tuttora risiede, con un passato di emigrazione in Zimbabwe.

E’ nel Paese africano che ella ha conosciuto il marito Franco, anch’egli Ostigliese, tornato in Italia per via del deterioramento della situazione politica in Zimbabwe nei primi anni Novanta.

La Festa dell’Emigrazione e dell’Emigrante di Magnacavallo, oltre alla presentazione della fine dei lavori per il museo, ha visto la celebrazione della Santa Messa presso la tensostruttura dell’oratorio – vista l’inagibilita’ della Chiesa del paese – e il pranzo a base di prodotti tipici della cucina mantovana.

Alla Giornata sono intervenuti anche il Rappresentante della Provincia di Mantova, Massimiliano Magnini, ed i Sindaci di Carbonara Po e Revere.

Matteo Cazzulani

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento