FIS Marathon Cup, terzo posto per l’Azzurra Stephanie Santer — Lombardi nel Mondo

FIS Marathon Cup, terzo posto per l’Azzurra Stephanie Santer

Nel terzo appuntamento di FIS Marathon Cup, l’altoatesina chiude al terzo posto della marcialonga con il miglior tempo parziale nella massacrante salita della Cascata. Tra gli uomini, undicesimo posto del fidanzato Florian Kostner a più di un minuto dal vincitore Joergen Aukland Nulla hanno potuto i fondisti azzurri contro lo strapotere scandinavo in una disciplina che vede sempre più specializzazione tra gli interpreti della tecnica classica e quelli più a proprio agio nello skating

Nella 39esima edizione della Marcialonga, la granfondo del circuito Worldloppet che oggi ha ospitato la terza tappa della FIS Marathon Cup 2012, il primo azzurro della Nazionale Italiana di Lunghe Distanze è stato Florian Kostner che ha chiuso all’11esimo posto accusando un distacco di 1’19” dal primo classificato, il norvegese Jorgen Aukland che ha battuto il fratello Anders e l’altro grande specialista della “spinta di braccia”, il ceco Stanislav Rezac.
Lungo i 70 chilometri del tracciato trentino, meglio dell’altoatesino (figlio d’arte, il padre Ulrich è stato il vincitore nel 1971 della prima edizione della Marcialonga) ha chiuso il fondista delle Fiamme Gialle, Nicola Morandini, che nella gara di casa si è piazzato al settimo posto rifilando 8 secondi al fuoriclasse norvegese Petter Northug, decimo assoluto. Buona la prestazione degli altri azzurri in squadra: Marco Cattaneo ha chiuso al 17esimo posto e Bruno Carrara al ventesimo, in una gara dove i materiali hanno giocato un ruolo importante.
“Io e altri abbiamo fatto la scelta di sci totalmente paraffinati, quindi senza sciolina di tenuta – ha commentato Marco Cattaneo – e credo che sia stata la scelta di gran parte del gruppo di testa: la scorrevolezza e la forza di braccia rappresentano ormai un must alla Marcialonga”. La gara del lombardo è stata da protagonista fino al passaggio a Soraga quando c’è stata una caduta di gruppo che ha coinvolto diversi fondisti: “Ci siamo trovati con gli sci bloccati e io sono rovinato addosso allo svedese Jhonson e a Luca Orlandi, rompendo un bastone – prosegue Cattaneo – e ringrazio Luca per avermi dato il suo bastone, mettendo a rischio la sua vittoria nella prova dei 45 chilometri. Grazie ancora”. Nella stessa prova Light vittoria di Veronica Cavallar, moglie di Bruno Carrara, e seconda piazza per Sabina Valbusa.
A punti anche Simone Paredi che ha chiuso al 27esimo posto, mentre fuori dai trenta Fabio Santus (36°) che cosi perde il pettorale rosso di leader della FIS Marathon Cup (che passa sulle spalle di Rezac ex equo con Joergen Aukland); chiudono il gruppo degli azzurri Sergio Bonaldi (41°) e Christian Zorzi (47°).
“Sapevo che oggi sarebbe stata una giornata difficile per noi specialisti della tecnica libera – commenta Fabio Santus – e osservando la classifica finale si può solo aggiungere che l’arrivo dalla Scandinavia di team privati specializzati nelle gare Worldloppet ha innalzato incredibilmente il livello agonistico, soprattutto nelle prove in tecnica classica”.
Il colore azzurro sventola sul podio grazie alla superba prova dalla “rookie” Stephanie Santer, la fondista di Dobbiaco entrata quest’anno nella Nazionale Italiana di Lunghe Distanze, che ha concluso la Marcialonga al terzo posto alle spalle delle svedesi Susanne Nystroem e Jenny Hansson: per la fondista dell’Alta Pusteria l’importante risultato di aver fatto segnare il miglior tempo parziale nella “scalata” alla Cascata, gli ultimi massacranti 3 chilometri di gara, vincendo il premio della One Way Finish Climb. “Alla partenza sono caduta e altri fondisti mi impedivano di risalire in piedi perché bloccavano i miei sci – ha commentato Stephanie – ma poi mi sono concentrata e ho spinto tantissimo di braccia sulla Cascata, che non conoscevo, ho dato tutto quello che avevo dentro. Sono felice!”. Quinto posto per Antonella Confortola.
La FIS Marathon Cup si sposta domenica prossima in Germania, alla KoenigLudwigLauf a Oberammergau, lungo i 50 chilometri a tecnica classica della gara tedesca gli italiani sperano di
Marcialonga Italia-70km CT

Classifica Maschile

1.  AUKLAND Jorgen             1975     NOR         2:55.37,3   
2.  AUKLAND Anders             1972     NOR         2:55.39,0  
3.  REZAC Stanislav                1973     CZE           2:55.44,2
11. KOSTNER Florian              1979     ITA            2:56.56,4  
17. CATTANEO Marco          1974     ITA             3:00.40,0
20. CARRARA Bruno              1977     ITA            3:02.24,5
27. PAREDI Simone                 1982     ITA            3:03.19,8
36. SANTUS Fabio                    1976     ITA            3:05.06,6  
41. BONALDI Sergio                1978     ITA            3:07.49,9
47. ZORZI Christian                  1972     ITA            3:09.43,5

Classifica Femminile

1. NYSTROEM Susanne            1982   SWE      3:23.20,3   
2. HANSSON Jenny                  1980   SWE      3:24.16,5   
3. SANTNER Stephanie             1981   ITA       3:30.35,2    
4. KVELI Laila                              1987   NOR    3:31.05,7   
5. CONFORTOLA Antonella    1975   ITA       3:33.30,3

FIS Marathon Cup 2012

08.01.2012    Jizerská Padesátka         CZE            50 km          CT
22.01.2012    Dolomitenlauf                  AUT            60 km           FT
29.01.2012    Marcialonga                    ITA              70 km          CT
05.02.2012    Koenig Ludwig Lauf        GER            50 km          CT
12.02.2012    La Transjurassienne         FRA            76 km           FT
19.02.2012    Tartu Maraton                 EST              63 km          CT
25.02.2012    Finlandia Hiihto                FIN              50 km          CT
04.03.2012    Vasaloppet                       SWE            90 km          CT
11.03.2012    Engadin Skimarathon    SUI              42 km          FT
17.03.2012    Birkebeinerrennet           NOR            54 km         CT

Di Maurizio Pavani

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento