Francesco Manna: la proposta pugliese per l’EXPO lombardo — Lombardi nel Mondo

Francesco Manna: la proposta pugliese per l’EXPO lombardo

Il Consigliere per gli Affari Esteri del Presidente della Puglia, Nichi Vendola, racconta la sua esperienza, ed espone le proprie vedute sull’Esposizione Internazionale del 2015, a Lombardi nel Mondo
Francesco Manna: la proposta pugliese per l'EXPO lombardo

Francesco Manna

America Latina, USA, Canada e Australia: con uno sguardo fisso alla Cina e al Mediterraneo. Questi sono gli orizzonti sempre fissi nell’attività di Francesco Manna: Consigliere Internazionale del Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, che, su richiesta di Lombardi Nel Mondo, ha illustrato la sua testimonianza personale.

Napoletano di nascita, ma pugliese di adozione, Manna dopo la Laurea in Legge, è avvocato, poi dirigente nel campo della Pubblica Amministrazione, e infine lavoratore italiano in Colombia e Venezuela. La padronanza della lingua spagnola gli consente di conoscere un’area del Mondo di strategica importanza, che, non a caso, è stata posta in cima alle priorità della politica estera pugliese.

“La regione Puglia è impegnata all’estero su tre fronti: un gemellaggio con la regione cinese del Huan-Dong, progetti in Argentina e Uruguay, e rafforzamento della cooperazione nel Mediterraneo e nei Balcani – illustra Manna – Il tutto, senza dimenticare il Brasile: Stato destinato a giocare un ruolo da protagonista nel futuro Mondo multipolare: Brasilia ha una crescita equilibrata, che non dipende dalle esportazioni, ed una domanda interna in forte crescita”.

 

Una visione ad ampio raggio quella dell’ex-Capo di Gabinetto di Nichi Vendola: di recente promosso a Consigliere del Presidente della Regione Puglia per gli Affari Internazionali. A motivarla non sono solo gli interessi geopolitici di Bari, ma anche la consapevolezza che l’Amministrazione pugliese ha nel valorizzare la propria emigrazione delle diverse aree del pianeta. Una chiave di volta che Manna propone alla Lombardia per la gestione dell’Expo del 2015.

“Per l’Esposizione Internazionale, la Lombardia dovrebbe coinvolgere le proprie comunità di migranti all’estero, favorire le proprie eccellenze, e convincere i lombardi nel Mondo a rientrare, anche solo per un periodo limitato, nella propria regione d’origine. Di pari passo, è indispensabile una cooperazione con le comunità locali ed un potenziamento dei servizi. Il tutto, senza dimenticarsi che l’Expo appartiene non solo a Milano, ma rappresenta un’opportunità per l’Italia tutta.

Matteo Cazzulani

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento