Abruzzo, Australia e Brasile. Una storia di emigrazione — Lombardi nel Mondo

Abruzzo, Australia e Brasile. Una storia di emigrazione

Il signor Giuseppe, abruzzese, ha molto da raccontare; prima di venire in Brasile è stato in Australia e quindi ci racconta un poco della sua vita. Una vita da camionista che non gli ha impedito di donare una scuola ad una comunitá locale.

Il signor Giuseppe, abruzzese, ha molto da raccontare; prima di venire in Brasile è stato in Australia e quindi ci racconti un poco della sua vita.

Giuseppe: A 18 anni sono partito per l’Australia. Nella nave che ci siamo imbarcati noi, eravamo circa mille persone fra i 18 e i 28 anni; dopo qualche giorno la maggioranza delle persone stava male perché la roba da mangiare non era buona. E la nave era stata usata come prigione e trasformata in nave mercantile, dove in ogni stanzone stavano cento, cento cinquanta persone. Io grazie a Dio stavo bene e cercavo di aiutare gli altri.

Forum: Ma Lei viaggiava da solo o con la famiglia?
Giuseppe: Solo. Io ero il più giovane sulla nave.

Forum: Quindi ha scelto l’Australia, è arrivato là e…
Giuseppe: Ho scelto l’Australia … Una sera dopo il lavoro sono andato a bere un caffé con un amico e questo mi ha detto che c’era la possibilità di emigrare con il CIMI. Sono andato a Teramo per fare la visita e poi sono andato a finire a Napoli senza che mia mamma sapesse niente, che quasi moriva di infarto.

Forum: E nell’Australia quanto tempo ci è stato?
Giuseppe: Otto anni.

Forum: Ma perché è venuto via?
Giuseppe: La notte di Natale del 1954 c’è stato un grande incendio che è durato quasi 15 giorni e io ho perso tutto, ho perso 150 sterline, ho perso i documenti. Sono andato al Consolato italiano a Melbourne e ci sono voluti mesi per rifare il passaporto. Dopo sono tornato in Italia per sposarmi e poi tornare in Australia. Ma ho avuto problemi con l’esercito. Ho disertato. E mi sono imbarcato per l’Argentina.

Forum: E come mai è rimasto qua in Brasile?
Giuseppe: Appena arrivato in Brasile ho conosciuto uno che mi ha detto: ma dove vai? Tutto il mondo è paese. Qui si lavora e si guadagna. E sono rimasto, cominciando a lavorare come camionista.

Forum: E quindi fin dall’inizio nel ramo dei trasporti. E quando ha costruito questa impresa qua?
Giuseppe: Nel 1971.

Forum: E quindi da parecchio tempo.
Giuseppe: Io ero a San Paolo. E poi c’era una ditta qui a Rio di italiani che avevano la rappresentanza dell’Alfa Romeo. Ho lavorato per loro come camionista, lavoravo giorno e notte; in viaggio mangiavamo solo pane.

Forum: Ma tutto questo all’inizio?
Giuseppe: Si, si. Io ero loro impiegato. Poi con il tempo …

Forum: Si è stancato di lavorare per gli altri e …
Giuseppe: No. Ho avuto un problema con loro, una discussione con il padrone. Mi sono messo d’accordo per pagare il camion in 24 mesi. E se non pagavo me lo prendevano indietro. Ho fatto una vitaccia. Una volta si è rotto l’asse del camion e sono stato tutta la notte sotto la pioggia perché non rubassero il camion. Quando arrivai a casa la mattina mia moglie non ci credeva.

Forum: Diceva sua figlia che lei, non mi ricordo quando, ha donato una scuola ad una comunità qua vicino. Quando è stato questo?
Giuseppe: Ho costruito la scuola circa dieci anni fa; adesso ci studiano circa 110 ragazzi..

Forum: E’ municipale?
Giuseppe: Si.

Forum: E como è che gli è venuta questa idea? Lei ha fatto una vita abbastanza dura, a volte quando si fa una vita molto dura si diventa anche insensibili, aridi. In quel cartello è scritto: integrazione impresa e comunità da buoni frutti. È la sua filosofia di come vede la ditta dentro la comunità? Cioè quello che c’è scritto la è proprio quello che pensa lei o è una invenzione del sindaco per farsi pubblicità?
Giuseppe: Beh, io sono sempre stato una persona che ha cercato di aiutare, sempre ho fatto qualcosa per la gente.

Forum Io di altre domande non ne ho. Lei vorrebbe dirci qualche altra cosa? Vedo che lei non si è scordato l’Italia.
Giuseppe: Italianissimo.

Forum: Ha mantenuto dei rapporti com l’Italia?
Giuseppe: Sempre. Ho una casa a Foligno e tutti gli anni ci vado.

 

Giuseppe Sciamanna

http://www.forumdemocratico.org.br/storia11_30.htm

 

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020