“Storia della lingua italiana per immagini” — Lombardi nel Mondo

“Storia della lingua italiana per immagini”

L’opera si inserisce nell’ambito delle attività realizzate dalla Dante per le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. L’opera riprende e aggiorna il consistente studio sull’italiano già curato da Luca Serianni come testo di riferimento della grande mostra dedicata dalla Società Dante Alighieri alla lingua italiana

Roma – È uscito il quinto volume della collana intitolata “Storia della lingua italiana per immagini” edita da Edimond. L’opera riprende e aggiorna il consistente studio sull’italiano già curato da Luca Serianni come testo di riferimento della grande mostra dedicata dalla Società Dante Alighieri alla lingua italiana “Dove il sì suona” (Galleria degli Uffizi, 2003) e ne valorizza la componente visiva: ogni volume è stato infatti arricchito da immagini commentate che contribuiscono a mostrare particolari aspetti della nostra lingua.

L’opera si inserisce nell’ambito delle attività realizzate dalla Dante per le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Nel quinto volume, intitolato “L’italiano e le altre lingue” e curato da Leonardo Rossi, attraverso l’analisi dei rapporti tra l’italiano e cinque grandi lingue di cultura si esamina la componente straniera presente nella lingua italiana.

L’apporto dato all’italiano – come a tante altre lingue – dalle lingue di altri Paesi è il risultato di complesse vicende politiche, ma anche testimonianza della fitta rete di scambi intessuta dalle città italiane con altre realtà per motivi legati a interessi letterari, artistici, commerciali ma anche turistico-culturali.

Nella seconda sezione la dimensione spaziale oltrepassa i confini nazionali per descrivere la diffusione della lingua italiana all’estero: vengono esaminati i momenti più rilevanti dell’espansione dell’italiano nei secoli passati e nel presente e ci si sofferma sulla visione di alcuni stranieri illustri come Rubens, Goethe, Mozart, Voltaire, Stendhal, Joyce.

 

Fonte: (aise)

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento