Salvare le Alpi, migliorare la vita dei transfrontalieri — Lombardi nel Mondo

Salvare le Alpi, migliorare la vita dei transfrontalieri

L’On. Franco Narducci, capolista del Partito Democratico per la circoscrizione Europa, presenta il suo programma elettorale e in un’intervista audio inquadra il tema della protezione dell’arco alpino

L’impegno dell’On. Franco Narducci, capolista del Partito Democratico per la circoscrizione Europa, a favore dei transfontalieri italiani si inserisce all’interno di un programma elettorale di sostengo completo alle comunità italiane all’estero.

Di seguito proponiamo i punti del programma elettorale dell’On. Franco Narducci, mentre cliccando sull’icona in alto di Windows Media Video sarà possibile ascoltare l’intervista audio rilasciata a Radio Zainet, relativa alla Convenzione sulla protezione delle Alpi, a sostegno tra l’altro, della natura, di una mobilità rispettosa dell’ambiente e di un sistema di trasporti sempre più efficiente e capace di rispondere alle esigenze delle persone che si spostano.

 

 

Programma Elettorale

 

Maggiori Servizi Agli Italiani All’estero

Rilanciare la rete consolare, aumentandone il livello di efficienza e i servizi di prossimita’ ai cittadini.

Rendere i servizi per gli italiani all’estero piu’ rispondenti alle reali esigenze

Sviluppare reti di prossimita’ con un maggior ricorso all’informatizzazione

 

Solidarieta’ e Sussidiarieta’

Nell’ambito del sistema di sicurezza sociale, garantire i diritti pensionistici, fiscali e di assistenza sanitaria anche ai cittadini che vivono fuori dall’Italia: questo principio di equita’

guida la mia azione politica.

L’attenzione per questi temi si colloca nel piu’ ampio progetto per la difesa di uno stato sociale sostenibile e attento ai giovani, alle donne e ai nostri emigrati anziani.

Lotta contro la doppia imposizione fiscale che colpisce alcune categorie di pensionati italiani all’estero.

Promuovere un sistema di solidarieta’ per gli indigenti italiani all’estero .

 

Promozione Culturale

La promozione della lingua e della cultura e’ parte essenziale della nostra politica estera.

Riforma della legge 153/1971 anche alla luce degli elementi nuovi e aggiuntivi emersi nel corso della XV legislatura.

Sostenere iniziative per la diffusione della lingua italiana che rafforzino il legame tra i giovani nati all’estero e la terra d’origine.

Iniziative per la diffusione della cultura italiana nel mondo in una visione che valorizzi anche il ruolo delle universita’ italiane.

Promuovere iniziative culturali per valorizzare e riscoprire la memoria della diaspora italiana nel mondo.

Costruire relazioni per sostenere una cultura di pace e di accoglienza contro ogni forma di xenofobia e di razzismo.

 

Promozione dell’associazionismo sociale all’estero

Per oltre un secolo il cittadino italiano residente all’estero ha vissuto la propria appartenenza culturale attraverso l’associazionismo, diventa quindi essenziale

Attivare ogni tipo di iniziativa, anche legislativa, per rilanciare la rete associazionistica italiana all’estero.

Preservare la funzione sociale e culturale dell’associazionismo.

Favorire l’affermarsi di una cittadinanza plurima o “citoyennete’ plurielle” come richiama il Consiglio d’Europa.

Sostenere il ricambio generazionale garantendo anche in futuro le attivita’ di utilita’ sociale riconducibili all’associazionismo.

 

Diritti umani e Pari opportunita’

Tutelare i cittadini italiani all’estero alle prese con problemi giudiziari, potenziando gli strumenti di intervento del Ministero degli Affari Esteri

Migliorare la regolamentazione in ambito europeo del lavoro part-time

Sostegno alla rete degli asili italiani all’estero e alle famiglie monoparentali

Favorire la pari rappresentanza delle donne italiane all’estero negli organismi elettivi

Lavorare per l’integrazione socio-culturale e professionale degli immigrati nel rispetto delle regole vigenti nel nostro Paese, anche attraverso un’informazione adeguata e capillare

Impegno per facilitare l’acquisizione della cittadinanza coerentemente con la proposta di legge da me cofirmata.

 

Formazione e Lavoro

Sostenere adeguatamente lavoratori, studenti, ricercatori e il sistema imprenditoriale in Europa, armonizzando politiche fiscali, previdenziali ed assistenziali nel quadro della

libera circolazione delle persone.

Interventi contro ogni sfruttamento nel mondo del lavoro e rischio di dumping sociale e salariale.

Combattere sul piano legislativo il lavoro nero e abusivo ricorrendo anche alla collaborazione di organismi sindacali transfrontalieri.

Favorire le iniziative di formazione permanente, in particolare nei paesi di provenienza dei lavoratori immigrati coerentemente con la proposta di legge da me cofirmata

Valorizzare le esperienze degli italiani all’estero come modelli per la costruzione in Italia di un mondo del lavoro piu’ sicuro e piu’ moderno

 

Politica Fiscale

Permettere anche ai contrattisti in forza a consolati, istituti di cultura e altri enti le detrazioni fiscali per carichi familiari e una piu’ equa copertura per l’assicurazione malattia.

Proseguire l’azione di aumento delle risorse destinate alle comunita’ italiane all’estero e migliorare la distribuzione e l’allocazione delle suddette risorse.

Promuovere l’integrazione del Sistema Italia nel mondo realizzando crescenti sinergie tra gli italiani che vivono dentro e fuori i confini nazionali.

In un’ottica di sviluppo delle relazioni internazionali, potenziare le sedi di rappresentanza dell’Italia all’estero valorizzando i nostri distretti industriali e le capacita’ del nostro sistema di autonomie locali.

 

Estero e Internazionalizzazione

Il Sistema Italia deve essere promosso e valorizzato a livello mondiale, facendo leva sui suoi capitali umani e produttivi d’eccellenza.

C’e’ un’Italia nel mondo che si afferma nelle Universita’ e nell’imprenditoria: a questi protagonisti occorre dare un’immagine forte dell’Italia, degna dei suoi valori e della sua tradizione. Il collegamento costante tra la business community italiana all’estero e il Sistema Italia e’ dunque prioritario.  

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento