Premio alla traduzione in lingua italiana: “Ritratti dell’Italia fuori dall’Italia” — Lombardi nel Mondo

Premio alla traduzione in lingua italiana: “Ritratti dell’Italia fuori dall’Italia”

Un concorso lanciato dall’Associazione Mecenate 90. Lanciato in collaborazione con la Società Dante Alighieri, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Mae, il Centro per il libro e la lettura, Rai Internazionale e il Censis per contribuire alla “promozione e valorizzazione della lingua italiana nel mondo”

“Ritratti dell’Italia fuori dall’Italia” è il tema del concorso lanciato dall’Associazione Mecenate 90 per assegnare il premio “1° Trofeo della lingua italiana” alla traduzione in lingua italiana di un testo scritto in un’altra lingua.

 

 

 

Lanciato in collaborazione con la Società Dante Alighieri, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Ministero Affari Esteri, il Centro per il libro e la lettura, Rai Internazionale e il Censis, il concorso intende contribuire alla “promozione e valorizzazione della lingua italiana nel mondo” richiamando l’attenzione sulla “importanza che la lingua ha avuto nel processo unitario del Paese” nell’anno in cui celebriamo i 150 anni dell’Unità d’Italia.

 

Sono ammessi a partecipare al concorso tutti coloro che, non essendo di madrelingua italiana, conoscono l’italiano per motivi di studio, lavoro o semplicemente interesse culturale. Non sono previsti limiti di età né requisiti particolari.

 

I candidati dovranno tradurre in lingua italiana un breve testo scritto nella propria lingua e riguardante l’Italia o gli italiani. Il testo da tradurre potrà essere tratto da un articolo di giornale, o un saggio o un testo di narrativa, pubblicato nel proprio paese, in forma cartacea o elettronica, nel periodo compreso tra il 1 giugno 2010 e il 1 giugno 2011. Il brano tradotto dovrà essere lungo circa 60 righe (per un minimo di 3000 e un massimo di 4000 battute spazi inclusi).

 

Il testo dovrà essere scelto tenendo conto del tema del concorso: sono adatti allo scopo tutti quegli scritti che tratteggiano l’immagine dell’Italia e degli italiani dal punto di vista degli osservatori stranieri. Nel testo potranno essere presenti osservazioni e riflessioni su aspetti dell’identità culturale, storica e sociale dell’Italia e dei suoi abitanti; non saranno presi in considerazione i testi che si limitano a riferire su episodi di cronaca.

 

Il testo tradotto, si precisa nel bando, non dovrà contenere messaggi, anche indirettamente, pubblicitari, promozionali o offensivi né elementi che si pongano in violazione della legge o lesivi di diritti, anche di terzi, o messaggi che offendano il comune senso del pudore, le persone, lo Stato e le Pubbliche Istituzioni. La traduzione del testo dovrà esser originale e non essere stata mai pubblicata in forma cartacea né elettronica (la commissione si riserva il diritto di fare controlli).

 

La traduzione (accompagnata dal testo originale comprensivo di dati bibliografici completi) andrà inviata per via telematica, previa registrazione al sito www.trofeodellalinguaitaliana.it, entro il 30 giugno 2011.

 

La domanda di partecipazione e la relativa iscrizione al concorso devono pervenire al sito www.trofeodellalinguaitaliana.it entro il 15 aprile 2011.

 

La Giuria esaminatrice è composta da 5 membri scelti tra esperti della lingua italiana, della traduzione, dell’editoria, della letteratura e del teatro. I risultati della selezione saranno resi noti mediante pubblicazione della graduatoria sul sito entro il 30 settembre.

 

Il premio sarà ufficialmente assegnato al primo in classifica, in occasione della cerimonia pubblica che si terrà a Firenze a conclusione del “1° Trofeo della lingua italiana”, entro il mese di ottobre 2011, in concomitanza con le Celebrazioni per il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia.

 

Il premio consisterà in un viaggio in Italia con la possibilità di seguire un itinerario tematico in una tra le mete più rinomate e affascinanti della penisola. In base alle sue preferenze il vincitore del premio potrà scegliere la destinazione in una serie di proposte di viaggio.

 

Alcuni esempi: Sulle note di Puccini: tour a Lucca e nei luoghi pucciniani; I sentieri del gusto a Napoli e nella Costiera Amalfitana; I luoghi federiciani tra Puglia e Basilicata; Alla scoperta della prima Capitale dell’Italia Unita (Torino); Gli itinerari della Magna Grecia in Sicilia.

 

Fonte: (aise)

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento