Sedi estere e Palazzo Lombardia: interrogazioni in Commissione — Lombardi nel Mondo

Sedi estere e Palazzo Lombardia: interrogazioni in Commissione

L’Italian Center di Shangai e “Casa della Lombardia” a Bruxelles al centro di alcuni approfondimenti

L’Italian Center di Shangai , “Casa della Lombardia” a Bruxelles e l’agibilità di Palazzo Lombardia, la nuova sede milanese della Giunta regionale, sono gli argomenti delle interrogazioni trattate nella seduta odierna della Commissione Affari istituzionali, presieduta da Sante Zuffada (PdL).

Il primo documento, presentato dalla Lega Nord, chiedeva di conoscere attività e costi dell’Italian Center in Cina e della sede di Bruxelles.

Nella sua risposta, il Sottosegretario per l’Attuazione del programma ed Expo 2015, Paolo Alli, ha precisato che “da due anni a questa parte non esistono sedi estere di Regione Lombardia, tranne la delegazione istituzionale a Bruxelles dove lavorano complessivamente 11 funzionari. Attualmente i 28 Lombardia point operativi nel mondo, non sono sedi della Regione, ma centri operativi che la Regione non finanzia,  realizzati sfruttando risorse di organismi o enti già presenti sul posto. L’unica sede di Regione Lombardia all’estero è quella a Bruxelles, strumento di collegamento tecnico, amministrativo e operativo tra le strutture della Regione e gli organismi comunitari. La delegazione segue le fasi delle procedure di infrazione, i progetti sui bandi comunitari, il flusso informativo generato da Parlamento europeo, Consiglio dell’Unione europea e Commissione europea”.

Soddisfatto della risposta si è dichiarato Massimiliano Romeo (Lega Nord), Consigliere Segretario della Commissione. “Con questa interrogazione – ha spiegato – volevamo sollevare maggiore trasparenza sui costi della amministrazione pubblica, in un momento di crisi e di tagli. L’obiettivo è quello di rendere ancora più efficienti queste strutture in Europa e nel mondo nel reperimento di fondi a vantaggio delle nostre imprese e dei nostri cittadini, verificandone l’effettiva utilità”.

L’insediamento nella nuova sede della Giunta a Palazzo Lombardia, le difficoltà e i dispositivi per i soggetti disabili sono stati oggetto della seconda interrogazione,  proposta dall’Italia dei Valori (primo firmatario, Giulio Cavalli).

Il Sottosegretario Alli ha elencato i provvedimenti presi dopo le segnalazioni pervenute e le migliorie apportate a favore dei dipendenti e dei soggetti disabili.

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento