I trent’anni del Gabbiano a sostegno del disagio — Lombardi nel Mondo