Siria e Iraq, difendere i beni culturali per non perdere le radici — Lombardi nel Mondo