Boxe e filo spinato, i ricordi degli italiani prigionieri in Africa — Lombardi nel Mondo