C’è anche una firma bergamasca nel restauro della Mecca in Arabia — Lombardi nel Mondo