Ultima parte de “I canti della filanda”, sulla produzione serica comasca — Lombardi nel Mondo