Soncino, ‘Sagra delle radici’ mordi e fuggi — Lombardi nel Mondo