Carlo Iannuzzi, preda innocente dell’insicurezza — Lombardi nel Mondo