Mantova, Cremona e Brescia: gli orologi astronomici lombardi notati da un astronomo internazionale — Lombardi nel Mondo