Lidia Carew, la nera che si sente italiana al cento per cento — Lombardi nel Mondo