Veronafiere ed Expo 2015 Conferma a Marmomacc — Lombardi nel Mondo

Veronafiere ed Expo 2015 Conferma a Marmomacc

Dopo Vinitaly, è continuato anche a Marmomacc il progetto di intesa che unirà Veronafiere ed Expo Milano 2015 nell’ambito di un piano di promozione e valorizzazione dell’eccellenza vinicola italiana sull’asse Verona-Milano. La partnership vedrà le due realtà espositive collaborare a eventi, prima e durante il periodo in cui si svolgerà l’Esposizione Universale di Milano, dal 1° maggio al 31 ottobre 2015.

E’ questo il senso dell’incontro che nella giornata conclusiva del 48° Marmomacc si è tenuto tra i vertici dell’ente fieristico ed il sottosegretario all’Economia e finanze, Alberto Giorgetti, assieme al parlamentare del Pd, Gianni Dal Moro ed al sindaco Tosi. All’incontro sono intervenuti anche i rappresentanti della Camera di Commercio e di Confindustria.

 

“E’ positivo ha detto Flavio Tosi – che ci siano Alberto Giorgetti e Gianni Dal Moro con senso di rappresentanza e appartenenza alla città e con senso delle istituzione, visto che a Roma qualcuno lo ha perso, a lavorare insieme per la fiera di Verona ed il nostro territorio: loro giocano insieme la loro partita a livello nazionale. La Fiera si confronta col Commissario all’Expo Sala per ribadire abbiamo il progetto, il know how e i soldi e quindi siamo perfettamente in grado di gestire l’area del vino e del food. Facendo la corsa su questi due binari con molta concretezza si può essere ottimisti.”

 

Il sottosegretario Alberto Giorgetti ha aggiunto: “Attraverso Vinitaly la città ha un’opportunità straordinaria di essere dentro a un evento di livello mondiale che avrebbe ricadute positive in termini economici, di flussi turistici e di opportunità di sviluppo. Verona è al crocevia di due corridoi intermodali europei. La presenza e il coinvolgimento nell’Expo è un atto dovuto.”

 

L’on. Gianni Dal Moro ha concluso: “Dopo l’incontro del 12 luglio con il sottosegretario Martina, oggi è il secondo passo per presentarsi sia nei confronti dell’Expo con proposte determinate e precise che riguardano il Vinitaly e il sistema Verona, sia per confrontarci con il Ministero dell’Agricoltura, governo permettendo, perché penso che in nessun paese normale si penserebbe di fare una cosa che riguarda il vino all’Expo non coinvolgendo la prima fiera del mondo sul vino. Anche se nel nostro paese siamo abituati a vedere di tutto, noi siamo determinati a fare lavoro di squadra per Verona e come questo ha portato risultati positivi per l’aeroporto, lo farà anche in questo caso.”

fonte: tg verona

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento