In Lombardia nasce “Extrabanca”: Il Primo Istituto di Credito dedicato agli immigrati — Lombardi nel Mondo

In Lombardia nasce “Extrabanca”: Il Primo Istituto di Credito dedicato agli immigrati

È stata inaugurata in questi giorni la prima filiale di “Extrabanca”, il nuovo istituto di credito dedicato esclusivamente agli extracomunitari e agli immigrati residenti in Italia. I primi sportelli sono stati aperti a Milano e in Lombardia, cioè nella zona di maggiore concentrazione degli stranieri in Italia

È stata inaugurata in questi giorni la prima filiale di “Extrabanca”, il nuovo istituto di credito dedicato esclusivamente agli extracomunitari e agli immigrati residenti in Italia.

 

I primi sportelli sono stati aperti a Milano e in Lombardia, cioè nella zona di maggiore concentrazione degli stranieri in Italia.

 

Che fosse un settore in crescita lo si era già capito quando, lo scorso anno, il “Centro Studi e Documentazione sulle Migrazioni” di Palermo ha collaborato ad una ricerca effettuata dall’Associazione bancaria italiana (ABI), le cui conclusioni sono state presentate in un convegno a Palazzo delle Aquile: il 60% degli immigrati ha un conto in banca e si stima che, nel 2015, ci saranno in Italia oltre 3 milioni di conti correnti intestati a immigrati, vale a dire il 10% di quelli presenti nel BelPaese.

 

La missione dichiarata dal presidente di Extrabanca, Andrea Orlandini, è chiara: “intercettare e interpretare le aspettative del corpo immigrato, stabilire profittevoli, stabili e durature relazioni con le diverse comunità etniche, offrire supporto agli operatori economici multiculturali del territorio”.

 

“La nostra”, ha affermato Orlandini, “non è una banca etica e non è la banca dei poveri. È una banca a tutti gli effetti. L’unica differenza rispetto alle altre banche commerciali sono i prodotti che offriamo”.

 

Multietnico lo staff dell’istituto di credito: al momento vi lavorano 20 professionisti, oltre la metà sono stranieri di 11 nazionalità diverse. Mentre il requisito del permesso di soggiorno resta fondamentale per l’accesso ai servizi dell’istituto e le procedure di valutazione del credito sono quelle comuni a tutto il sistema bancario. Inoltre, per venire incontro al meglio alle esigenze dei clienti tutte le filiali saranno aperte con orario continuato dalle 9 alle 19 dal lunedì al sabato e, in alcune occorrenze, anche la domenica.

 

Tra gli azionisti di Extrabanca figurano Generali con oltre il 12% e la Fondazione Cariplo, con oltre il 4%. Ad essi si aggiungono circa 35 soci privati di estrazione soprattutto industriale.

 

Positivo il commento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, in un messaggio inviato ai vertici di Extrabanca, definisce l’iniziativa come “uno strumento utile a favorire il processo di integrazione di una immigrazione rispettosa della legge e il rafforzamento di una più salda coesione sociale”.

 

Fonte: (aise)   

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento