Tina Modotti: una emigrante italiana — Lombardi nel Mondo

Tina Modotti: una emigrante italiana

Tina Modotti, è emigrante, operaia, attrice, fotografa nel Messico degli anni venti, antifascista, militante nel movimento comunista internazionale, perseguitata ed esule politica, garibaldina di Spagna. Nata a Udine il 17 agosto 1896 e deceduta a Città del Messico il 5 gennaio 1942

Sarà inaugurata a Genova il 15 marzo alle 17.30 presso Palazzo Ducale, la mostra “Tina Modotti: Un Nuovo Sguardo” organizzata dalla Fondazione Casa America, l’Ambasciata del Messico in Italia, il Consolato Onorario del Messico a Genova e la Fondazione Genova Palazzo Ducale.

All’incontro saranno presenti: Luca Borzani, presidente Fondazione Genova Palazzo Ducale; Roberto Speciale, presidente Fondazione Casa America e Miguel Ruiz-Cabañas Izquierdo, ambasciatore del Messico in Italia. La mostra sarà visitabile fino al 21 aprile.

Tina Modotti, è emigrante, operaia, attrice, fotografa nel Messico degli anni venti, antifascista, militante nel movimento comunista internazionale, perseguitata ed esule politica, garibaldina di Spagna. Nata a Udine il 17 agosto 1896 e deceduta a Città del Messico il 5 gennaio 1942, dopo l’improvvisa scomparsa, il riconoscimento della personalità umana, artistica e politica di Tina Modotti fu quasi immediato e per alcuni anni la sua vita e la sua opera restarono vive in buona parte dell’America latina. Poi cadde l’oblio, lungo di almeno trent’anni. L’opera della Modotti, che si trova in buona parte negli Stati Uniti, venne tenuta nascosta nei cassetti dei Dipartimenti di fotografia per la nefasta influenza del maccartismo che rese impossibile, per molti anni e non solo in America, lo studio e la presentazione di un’artista che aveva creato immagini di qualità e militato nel movimento comunista internazionale. La Modotti diventa emigrante all’età di soli due anni, quando la famiglia si trasferisce nella vicina Austria per lavoro. Il padre decide poi di partire per gli Stati Uniti, presto raggiunto da quasi tutta la famiglia.

Fonte: (aise)

Document Actions

Share |


Condividi

Lascia un commento