Una legge regionale sul 150° dell’Unità d’Italia — Lombardi nel Mondo

Una legge regionale sul 150° dell’Unità d’Italia

L’inno nazionale italiano aprirà le sedute consiliari per tutto il 2011. Insediato il Comitato per definire festa e bandiera della Regione e stanziamenti a favore del patrimonio artistico lombardo.

L’inno nazionale italiano ha aperto la seduta consiliare del 15 marzo e così sarà ad ogni avvio di seduta per tutto il 2011. E’ il primo effetto di un emendamento presentato da Gabriele Sola (Idv) alla legge approvata in Consiglio Regionale nel mese di febbraio con il solo voto contrario della Lega Nord.

Tra gli altri punti contenuti nella norma, la costituzione di un comitato per definire festa e bandiera della Regione; lo stanziamento di 1,3 milioni di euro per la valorizzazione del patrimonio storico e artistico lombardo; l’istituzione di un comitato per le celebrazioni della ricorrenza, con il compito di ideare e coordinare il programma delle iniziative, proporre attività scientifiche, didattiche e divulgative, raccogliere fondi e sponsorizzazioni.

Il Comitato tecnico-scientifico incaricato di definire la bandiera e la festa della Regione, ha il compito di ideare e coordinare il programma delle iniziative celebrative, proporre attività scientifiche, didattiche e divulgative, raccogliere fondi e sponsorizzazioni. L’organismo formulerà anche proposte su eventuali interventi di valorizzazione del patrimonio storico e della memoria risorgimentale

Lo presiede Carlo Saffioti (PdL) mentre alla vicepresidenza è stato eletto Fabrizio Santantonio (PD): gli altri componenti nominati dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale sono Mauro Parolini (PdL) e Doriano Riparbelli (PdL) per la maggioranza, la professoressa Luisa Dodi e il Consigliere regionale dell’Italia dei Valori Gabriele Sola per la minoranza. La Giunta regionale ha invece nominato, per quanto di sua competenza, Sabrina Samurri della direzione generale dell’assessorato regionale alla Cultura, Robi Ronza e Stefano Zecchi.
“Questo comitato – ha spiegato Carlo Saffioti – avrà un ruolo e una funzione che andranno al di là della scadenza naturale di quest’anno. Obiettivo prioritario sarà quello di suscitare un interesse sempre maggiore verso le vicende risorgimentali soprattutto nei giovani, che non a caso di quelle vicende furono i principali protagonisti”.

 

Con l’approvazione di altri ordini del giorno, il Consiglio regionale impegna la Giunta a “predisporre l’invio di tricolori alle sedi territoriali della Regione” (primo firmatario Elisabetta Fatuzzo, Pensionati); a redigere una legge che tenga viva la memoria della Shoah (primo firmatario Carlo Spreafico, PD); ad inviare una copia della Costituzione ai cittadini lombardi al compimento dei 18 anni (primo firmatario Francesco Patitucci, IDV).

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020