Basket Europa. Cinque internazionali approdano in Polonia

Per un campionato diventato negli utlimi anni fucina di talenti, destinati anche e sopratutto all’Italia, la pausa per le competizioni delle rappresentative nazionali ha rappresentato, per la Serie A di basket polacca, un’occasione non solo per mettere sul mercato i suoi pezzi più rinomati, ma anche per aggiungere innesti di tutto rispetto e qualità. Cinque, in totale, sono infatti i giocatori internazionali che, alla ripresa del campionato, sono stati messi sotto contratto da diversi club della massima serie della Polonia.

La giornata clou di un mercato estremamente vivace è stata mercoledì 1 Dicembre, con l’Anwil Włocławek a realizzare il colpo della sessione: l’acquisto del centro sloveno Žiga Dimec. Campione d’Europa con la Slovenia di Luka Dončič, Dimec, trovatosi sul mercato dopo l’acquisto da parte del Cedevita Olimpija Ljubljana del centro USA con lunga esperienza NBA Yogi Ferrell, non ha messo molto a ricevere la chiamata dello staff di Włocławek, in cerca di un pivot affidabile per sostituire il britannico Cavel Bigby-Williams.

Oltre che per la tempistica, il colpo di mercato rappresenta una vera e propria sorpresa, considerata la tradizionale riluttanza con la quale coach Przemysław Fransukiewicz suole considerare i cestisti di scuola ex-jugoslava. Apparentemente, forse complice l’esperienza della scorsa stagione col centro croato Ivica Radić, il coach di Włocławek ha deciso di puntare nuovamente su un centro “balcanico”, la cui aggiunta rende l’Anwil la squadra sulla carta favorita alla vittoria del titolo finale.

Restando in Cuiavia, a poche ore dall’annuncio di Dimec a Włocławek, i Twarde Pierniki Toruń hanno risposto con l’ingaggio del playmaker della nazionale croata Roko Rogić. Costretti a cercare sul mercato un regista dopo la partenza del play USA Maurice Watson, senza dubbio l’MVP delle prime 12 giornate di campionato, i copernicani hanno pescato nel mercato ungherese, prelevando Rogić dal Szolnoki Olajbányász.

Per certo, un importante ruolo nella trattativa è stato ricoperto da coach Ivica Skelin, che ha fortemente voluto un proprio connazionale per ricoprire il non facile ruolo di sostituto di Watson, passato al Maccabi Rishon in Israele.

Sempre Toruń, che oltre a Watson ha perso anche il centro statunitense Trevor Thompson, passato allo Zadar in Croazia dopo la risoluzione del contratto con Uroš Luković, è stata protagonista di un’altra mossa di mercato interessante, che ha portato in Cuiavia il nazionale messicano Daniel Amigo.

Pivot dalle tre nazionalità (Messico, Argentina e Stati Uniti), Amigo è reduce da una buonissima pausa nazionali, nella quale ha fornito un considerevole contributo al suo Messico nell’importante vittoria ottenuta sugli Stati Uniti. Vecchia conoscenza dei campionati lituano ed ungherese, Amigo è stato prelevato dal Soles di Mexicali.

Sempre dal campionato messicano è arrivato un altro colpo di mercato: il playmaker statunitense Darrin Dorsey. Prelevato dall’Abejas de Leon di Guanajuato, Dorsey va a rafforzare il reparto guardie del Trefl Sopot, dopo che, come dichiarato a più riprese da coach Marcin Stefański, la compagine della Pomerania si è messa alla ricerca di un rinforzo in regia per potere meglio affrontare il doppio impegno campionato-FIBA Europe Cup.

Un “parco italiani” per la salvezza di Dąbrowa Górnicza

Restando in America Latina, lecito menzionare l’acquisto del playmaker brasiliano Caio Pacheco da parte del MKS Dąbrowa Górnicza, compagine in cerca di equilibrio per potere avviare la rincorsa a salvezza e zona playoff.

Giunto in prestito dalla Victoria Libertas Pesaro, Pacheco, che vanta diverse presenze nella nazionale carioca, oltre che esperienze considerevoli in Argentina al Bahía Blanca e in Spagna al Murcia, ha raggiunto un’altra conoscenza del basket italiano arrivato alla corte di coach Jacek Winnicki nel mercato di riparazione, quale l’esterno USA <Devyn Marble, già capace, assieme a Pacheco, di fare la differenza sul parquet.

Sempre in tema di scambi con l’Italia, il play USA Elijah Wilson, uscito da Varese, è stato acquistato dallo Start Lublino, dal quale coach Tane Spasev ha liberato Doron Lamb, guardia americana scelta da Pesaro per sostituire Pacheco.

Grazie al ruolo attivo di coach Arkadiusz Miłoszewski, l’ala piccola statunitense Malachi Richardson, tagliata dalla Fortitudo Bologna, ha trovato sistemazione presso i Wilki Morskie Szczecin, che hanno riportato in Polonia anche il play yankee Jay Threatt, vecchia conoscenza di Ostrów Wielkopolski e Stargard.

Anche Wrocław si rafforza per contendere il titolo a Włocławek

Il playmaker americano Travis Trice, già visto in Italia a Brescia, è un altro dei colpi che il mercato di riparazione ha portato in Polonia. Il prodotto di Michigan State, con esperienze in Turchia e Francia, è arrivato dal Galatasaray allo Śląsk Wrocław, squadra alla ricerca di nuovi aspetti tattici a seguito dell’arrivo sulla panchina dei verde-bianco-rossi di coach Andrej Urlep.

Chiamato ad affrontare il doppio impegno campionato-EuroCup, lo Śląsk ha aggiunto al proprio roster anche il centro Martiņš Meiers. Nazionale lettone, con esperienza in VTB e Lega Adriatica, Meiers è arrivato a Wrocław in prestito dallo Chalon.

Con gli arrivi di Trice e Meiers, lo Śląsk resta attivo sul mercato. Le recenti voci di un interessamento dei verde-bianco-rossi per il centro della Fortitudo Bologna Geoffey Groselle, giocatore statunitense ma presto passaportato polacco, che tuttavia la Fortitudo non intende cedere, ne sono una dimostrazione.

Matteo Cazzulani
@MatteoCazzulani

Classifica dopo 12 giornate (vittorie-sconfitte)

Czarni Słupsk 9-3 (75%)
Anwil Włocławek 9-3 (75%)
Twarde Pierniki Toruń 9-3 (75%)
Stał Ostrów Wielkopolski 9-4 (69%)
Legia Varsavia 7-4 (63%)
Zastal Zielona Góra 7-5 (58%)
Wilki Morskie Szczecin (Stettino) 6-6 (50%)
Śląsk Wrocław (Breslavia) 6-6 (50%)
Spójna Stargard 5-6 (45%)
Astoria Bydgoszcz 5-6 (45%)
Trefl Sopot 5-7 (42%)
Arka Gdynia 5-7 (42%)
HydroTruck Radom 4-8 (33%)
Start Lublino 3-9 (25%)
MKS Dąbrowa Górnicza 3-9 (25%)
GTK Gliwice 3-9 (25%)

Condividi