Bolivia. Ignoranza, paura e precarietà dei servizi — Lombardi nel Mondo

Bolivia. Ignoranza, paura e precarietà dei servizi

Ogni anno nei centri sanitari della Bolivia si registra il 37% delle morti materne. Secondo i dati dell’organizzazione Visión Mundial, annualmente nel paese muoiono oltre 17 mila bambini e 600 madri. Da uno studio dell’Ufficio Nazionale del Programma di Salute Sessuale e Riproduttiva del Unfpa emergono le tre cause principali

La Paz: Ogni anno nei centri sanitari della Bolivia si registra il 37% delle morti materne. Secondo i dati dell’organizzazione Visión Mundial, annualmente nel paese muoiono oltre 17 mila bambini e 600 madri.

 

 

Da uno studio dell’Ufficio Nazionale del Programma di Salute Sessuale e Riproduttiva del Fondo della Popolazione delle Nazioni Unite (Unfpa) emergono le tre cause principali che alimentano il fenomeno.

 

La prima è l’ignoranza. Infatti, nonostante le donne abbiano il diritto ad accedere ai servizi degli ospedali, molte, in particolare quelle che vivono nelle zone rurali, preferiscono rimanere nelle proprie case e si servono dell’assistenza medica solo in gravidanza o in caso di complicazioni durante il parto.

 

Un secondo fattore individuato dall’Unfpa riguarda il non sapere come raggiungere i centri sanitari o addirittura non conoscerne l’ubicazione, nonostante il servizio di assicurazioni materno infantili locali preveda il trasporto in casi di emergenza.

 

Il terzo fattore che contribuisce ad aggravare questa situzione è la precarietà dei servizi offerti.

 

Nonostante gli sforzi del governo, attraverso diversi programmi di salute, il paese è al secondo posto in America Latina e Caraibi per i suoi alti indici di mortalità materno-infantile, dopo Haiti.

 

Secondo fonti ufficiali, la popolazione è assistita da almeno 3.480 centri ospedalieri dipendenti dai comuni, dalle ong, dalla Chiesa e della Cassa Nazionale della Salute (CNS).

 

Fonte: www.fides

 

Inviato da

Antonella De Bonis

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020