Plenaria CGIE: il consigliere Cattaneo annuncia legge per lombardi nel Mondo — Lombardi nel Mondo

Plenaria CGIE: il consigliere Cattaneo annuncia legge per lombardi nel Mondo

Il consigliere regionale varesino e sottosegretario alla presidenza Raffaele Cattaneo (Forza Italia) nel corso dell’assemblea plenaria CGIE annuncia la prossima revisione della legge regionale per i lombardi nel mondo.

Una nuova legge regionale per i lombardi nel mondo è stata annunciata dal consigliere regionale varesino e sottosegretario alla presidenza Raffaele Cattaneo (Forza Italia), nel corso della riunione plenaria della Conferenza permanente tra Stato-Regioni-Province autonome-Consiglio generale degli italiani all’Estero (CGIE) tenutosi a Roma nelle sale del Ministero degli esteri.

“Le nuove comunità degli italiani all’estero – ha detto Cattaneo in un’intervista pubblicata dal quotidiano di Varese “la Prealpina” – sono composte in gran parte da giovani, da ricercatori, da uomini d’affari, da professionisti che si trovano anche temporaneamente ad approfondire la propria esperienza in un Paese straniero”.

Grazie ad un recente studio dell’IReR (Istituto di ricerca regionale) specifico sulle comunità di lombardi residenti o al lavoro all’estero, è evidente la “trasformazione” in  nuove forme di emigrazione che hanno portato alla nascita di comunità “dove prevale sempre meno l’identità tradizionale fondata sulle origini” perché prevale quella legata al motivo che ha determinato la decisione del trasferimento all’estero.

Fermo restando il ruolo fondamentale delle associazioni di italiani all’estero, in particolare quelle dei cittadini lombardi, secondo Cattaneo le istituzioni italiane “a cominciare dalla Regione” sono chiamate a dare risposte concrete in sintonia con questa evoluzione. Soprattutto ai cambiamenti imposti dalla globalizzazione che impone strategie e strumenti innovativi.

“La nuova legge regionale per i lombardi nel mondo – ha perciò affermato Cattaneo – si svilupperà innanzitutto sulle business community italiane all’estero. Poi vogliamo incentivare gli scambi di conoscenze e di professionalità per valorizzare il capitale umano e della formazione. Infine valorizzare le reti di eccellenza nei campi della ricerca scientifica e tecnologica non attraverso politiche di difesa per cercare di trattenere i nostri talenti e le nostre risorse, ma per favorire la nascita di partnership stabili”.

Raffaele Cattaneo ha inoltre ricordato il buon risultato che stanno ottenendo i Lombardia Point creati in collaborazione con il mondo associativo e delle Camere di Commercio “come canale privilegiato all’estero della Nostra Regione”

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020