Il cimitero italiano di Colma, California — Lombardi nel Mondo

Il cimitero italiano di Colma, California

Il cimitero italiano di Colma, California fu concepito dalla Società Italiana di Mutua Beneficenza, la più vecchia associazione italo americana ancora in funzione, e raccoglie le spoglie mortali di oltre 46.000 persone in maggioranza di origine italiana.

Il cimitero italiano di Colma, California fu concepito dalla Società Italiana di Mutua Beneficenza, la più vecchia associazione italo americana ancora in funzione, e raccoglie le spoglie mortali di oltre 46.000 persone in maggioranza di origine italiana

La società Italiana di Mutua Beneficenza fu fondata nel 1858 con lo scopo di fornire l’assistenza in caso di malattia e morte ai numerosi soci, in gran parte immigrati a San Francisco durante la mitica corsa all’oro. Anche se la degna sepoltura faceva parte della sua missione, la società riuscì a costruire un suo cimitero soltanto nel 1899.

La maggior parte degli immigrati italiani viveva a San Francisco, ma quando a fine ottocento  le autorità cittadine decisero di spostare i luoghi di sepoltura fuori dai suoi limiti, insieme ad altri cimiteri fu organizzato il cimitero italiano a Colma. Oltre 8.000 corpi furono spostati dal vecchio cimitero di Golden Gate, il City Cemetery, ma mentre gli altri cimiteri scavarono delle fosse comuni per chi non poteva permettersi  la traslazione, il cimitero italiano lo fece per tutti gli 8.000 a proprie spese.

 La prima cappella fu completata nel 1904, il mausoleo Porporato, disegnato dall’architetto John A. Porporato, autore del progetto del San Francisco Italian Athletic Club e della famosa chiesa di San Pietro e Paolo nel quartiere di North Beach,  resa memorabile dai versi del poeta di origini bresciane Lawrence Ferlinghetti.

Inizialmente il mausoleo Porporato fu utilizzato per i riti funebri dopo il funerale, fu il primo mausoleo al coperto di Colma e uno dei primi del paese. Le cripte sono ricoperte con marmo di Carrara e decorate con vetrate colorate.

Il quartier generale della Società rimase a North Beach, lo storico quartiere a prevalenza italiana di San Francisco fino al 1962, allorchè fu trasferito all’interno del cimitero di Colma. Nel 1978 la Società fu riorganizzata secondo le leggi dello stato della California e divenne una società non-profit indipendente, di servizio pubblico al servizio di tutte le fedi religiose e di tutte le nazionalità.

Colma è una cittadina situate nella contea di San Mateo all’estremo nord della penisola di San Francisco nella baia omonima. La città , fondata nel 1924 come necropoli, conta circa 1.800 residenti. Siccome la maggior parte del territorio urbano è costituito da cimiteri, la popolazione dei morti supera di gran lunga quella dei vivi, con un rapporto di mille a uno. Colma è soprannominata la “Città del silenzio”, cui ha aggiunto pure il motto “E’ bello essere vivi a Colma”.

Il cimitero italiano ha indicizzato le oltre 46.000 persone ivi sepolte dal 1899, fatto che rende più facili le ricerche genealogiche. La storia delle persone sepolte è soprattutto quella della comunità italiana meno conosciuta, che si incontra spesso proprio qui per manifestazioni diverse e per ricordare chi non c’è più.

Importante è pure il lavoro di Nicholas Marinelli, direttore relazioni pubbliche del cimitero italiano che scrive regolarmente articoli di interesse comunitario sul settimanale “L’Italo Americano” che viene pubblicato a San Francisco da oltre 102 anni.

Italian Cemetery di Colma, luogo da visitare per ricordare le migliaia di italo americani che hanno contribuito alla crescita di San Francisco. Luogo del silenzio in mezzo alle statue, ai capitelli, infiniti per il ricordo di ieri soprattutto in questo mese dedicato ai nostri avi.

 

Fonte :Italian Cemetery Colam, Findagrave.com ; traduzione e adattamento di Ernesto R Milani

Ernesto R Milani

Ernesto.milani at gmail.com

7 novembre 2011

,

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020