Expo 2015: sostegno a Formigoni anche da Argentina — Lombardi nel Mondo

Expo 2015: sostegno a Formigoni anche da Argentina

Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha ottenuto il sostegno anche dell’Argentina alla candidatura di Milano come sede per l’Expo del 2015.

Dopo quello di El Salvador, Costarica e Nicaragua, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha ottenuto il sostegno anche dell’Argentina alla candidatura di Milano come sede per l’Expo del 2015.  

Affiancato dall’assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Raffaele Cattaneo e dal sottosegretario alla Presidenza, Robi Ronza, il presidente Formigoni, al suo rientro dal viaggio in Centroamerica, ha incontrato nella sede della Regione Lombardia il Vice presidente della Repubblica e presidente del Senato, Daniel Osvaldo Scioli (insieme nella fotografia), al quale già lo scorso autunno, durante un incontro informale, aveva presentato la candidatura milanese.

 “Il vicepresidente Scioli – ha detto Formigoni al termine dell’incontro – ha garantito il pieno sostegno alla nostra candidatura per l’Expo del 2015. Con l’Argentina ci legano antichissimi rapporti di amicizia e collaborazione che vogliamo riprendere e sviluppare con grande determinazione. In questo senso – ha aggiunto Formigoni – vogliamo che l’esposizione del 2015 sia un’occasione di incontro fra i Paesi, non una semplice vetrina ad appannaggio esclusivo di Milano e della Lombardia, e dunque siamo convinti che anche l’Argentina possa svolgere un ruolo da protagonista nell’organizzazione dello stesso evento”.

Dal canto suo, lo stesso Scioli ha dimostrato grande interesse per il tema sul quale verterà la manifestazione nel caso in cui questa si svolgesse a Milano ossia “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Buona parte dell’economia argentina si basa infatti proprio sull’agricoltura e sulla filiera agroalimentare. “L’incontro con Scioli – ha spiegato Formigoni – è per noi l’occasione privilegiata per riconfermare il protocollo d’Intesa che abbiamo sottoscritto a maggio del 1999 con la Provincia di Buenos Aires per la collaborazione nei settori sociale, culturale, ambientale, commerciale, turistico, formativo e lo scambio di informazioni nei settori tecnologico e tecnico che è scaduto a maggio del 2004”.

Anche in campo sanitario la collaborazione è molto forte: fra l’ospedale Carlo Poma di Mantova e quello italiano Garibaldi di Rosario è in corso un Progetto di gemellaggio (attivato nel 2005) che prevede una collaborazione nei settori della chirurgia generale, pediatria e neonatologia e della gestione amministrativa ospedaliera. Nell’accordo, inoltre, sono state previste anche attività formative e di aggiornamento del personale medico, paramedico e amministrativo. Questa collaborazione ha già permesso di ristrutturare due sale chirurgiche e di completare i lavori su ulteriori due sale. Sono state acquistate anche nuove strumentazioni e apparecchiature. Nell’ultimo quinquennio, Regione Lombardia, con uno stanziamento complessivo di 1.760.000 euro, ha sostenuto anche 14 progetti di cooperazione in Santa Fe, Buenos Aires, Stroeder, La Plata, San Miguel de Tucuman, nelle province di Misiones, Buenos Aires, Santa Fe, Entre Rios e Nequen e nellStato di Rio Grande do Sul.

Ma, come ha ricordato l’assessore Cattaneo che ha recentemente visitato lo stato argentino, anche nel campo delle infrastrutture e della trasformazione dei rifiuti “c’è molto spazio per collaborare”, tenuto presente che la stessa Argentina sta affrontando situazioni di emergenza che la Lombardia ha già risolto acquisendo conoscenze e competenze che potrebbero essere loro molto utili.

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020