Giornate Europee del Patrimonio — Lombardi nel Mondo

Giornate Europee del Patrimonio

In programma oltre 1000 eventi straordinari e gratuiti in tutta Italia, tra mostre, percorsi storici, concerti e aperture di luoghi d’arte

Come possono i cittadini europei acquisire la consapevolezza di condividere un patrimonio comune e come possono apprezzare quell’unità culturale che, nel rispetto della diversità di ognuno, è alla base di questo patrimonio? È stato in risposta a questa richiesta che, nel 1991, il Consiglio d’Europa ha ufficialmente lanciato le Giornate Europee del patrimonio (GEP), una iniziativa che, nel 1999, è diventata un’azione comune del Consiglio d’Europa e della Commissione Europea.

 

In tutta Europa, durante i fine settimana del mese di settembre e, dal 2006, anche di ottobre e novembre, durante le GEP si aprono le porte di monumenti e siti, molti dei quali abitualmente chiusi al pubblico. I cittadini possono conoscere e godere liberamente del proprio patrimonio, diventando parte attiva nella salvaguardia e nella valorizzazione di esso per le generazioni presenti e future, ed acquisire in questo modo una sempre maggiore consapevolezza della propria identità comprensiva delle peculiarità culturali di ogni Paese.

 

Quest’anno le Giornate Europee del Patrimonio si svolgeranno sabato 27 e domenica 28 settembre, e avranno come filo conduttore “Le Grandi Strade della Cultura – Viaggio tra i Tesori d’Italia”: oltre 1000 eventi straordinari e gratuiti in tutta Italia, tra mostre, percorsi storici, concerti e aperture di luoghi d’arte di cui oltre 250 in prossimità della rete autostradale.

 

L’auspicio è che i numeri confermino anche quest’anno il costante successo di questa iniziativa. Il numero degli stati partecipanti è infatti passato da 11 nel 1991 a tutti e 49 gli stati firmatari della Convenzione Culturale Europea nel 2006; il numero dei visitatori annuali è ora stimato a circa 20 milioni di persone e sono stati più di 30.000 i monumenti ed i siti aperti.

 

Oggi, dopo 17 anni dalla loro istituzione, le Giornate Europee del Patrimonio sono diventate uno strumento fondamentale per lo sviluppo di una esperienza tangibile della cultura e della storia europea e per la crescita della coscienza del pubblico circa i molteplici valori del nostro patrimonio comune e del continuo bisogno di salvaguardarlo. I Paesi sono riusciti a stimolare la partecipazione della società civile, l’adesione dei giovani, il lavoro volontario, la cooperazione tra paesi confinanti, promuovendo i principi comuni del dialogo interculturale, della collaborazione e della responsabilità civile.

 

Per l’occasione è stato creato un sito dedicato alle Giornate Europee del Patrimonio – www.beniculturali.it/giornate_europee_08/index.html – dal quale è possibile visionare schede dettagliate degli eventi, una selezione di appuntamenti di particolare rilievo, e qualsiasi tipo di informazione inerente alla manifestazione europea.  (ItalPlanet News)

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020