Il Consiglio regionale inaugura propri spazi a Bruxelles — Lombardi nel Mondo

Il Consiglio regionale inaugura propri spazi a Bruxelles

Serviranno da supporto all’attività istituzionale dei Consiglieri regionali migliorando lo scambio di informazioni tra il parlamento lombardo e quello europeo. Carlo Spreafico: “L’obiettivo è sviluppare una azione di lobby nel processo di costruzione delle risoluzioni europee”.

A Bruxelles la delegazione del parlamento regionale lombardo guidata dal Consigliere Segretario Carlo Spreafico (PD) e composta anche dai Consiglieri Paolo Valentini (PdL), Luca Gaffuri (PD), Gianmarco Quadrini (UdC), Stefano Carugo (PdL), Sante Zuffada (PdL), Mario Barboni (PD), Enrico Brambilla (PD), Fabrizio Santantonio (PD), Alessandro Alfieri (PD) e Angelo Costanzo (PD), ha inaugurato i nuovi spazi dedicati all’attività Consiglio regionale. Erano presenti i parlamentari europei Mario Mauro, Laura Comi, Magdi Cristiano Allam, Patrizia Toia e l’ambasciatore Roberto Bettarini, oltre al direttore generale “Sanità” della Commissione Europea Paola Testori Coggi e al nuovo direttore dell’Olaf Giovanni Kessler. I nuovi spazi saranno di supporto all’attività istituzionale dei Consiglieri regionali migliorando e incentivando così lo scambio di informazioni tra il parlamento lombardo e quello europeo.  Il nuovo Statuto attribuisce un ruolo specifico al Consiglio regionale nell’elaborazione e nell’attuazione delle politiche comunitarie, elaborate dal Consigliere Segretario Carlo Spreafico nel quadro della delega per i rapporti con l’Unione Europea a lui assegnata dall’Ufficio di Presidenza. “La Lombardia è la settima Regione europea per importanza economica, è giusto che abbia più ruolo: noi non possiamo fare meno dell’UE e l’UE altrettanto di noi ha detto Carlo Spreafico durante la cerimonia inaugurale-. Con la nostra presenza a Bruxelles metteremo a disposizione le competenze legislative e gli strumenti istituzionali del Consiglio per attivare, nell’interesse della Lombardia, un’azione di lobby nel processo di costruzione delle risoluzioni europee. Siamo convinti che nel rispetto delle diverse competenze del potere esecutivo e legislativo regionale ci sia uno spazio di intervento politico ed istituzionale che appartiene al Consiglio”. A Bruxelles non ci sarà dualismo o sovrapposizione di ruoli tra Consiglio e Giunta -ha aggiunto Spreaficoma una collaborazione proficua come quella che ha consentito, senza alcun aggravio di costi, di aprire questa sede consiliare. Utilizzeremo strutture, servizi e competenze già esistenti per il lavoro delle Commissioni consiliari, dei Gruppi e dei singoli Consiglieri. In tutti i territori lombardi, in accordo con il Sottosegretario Alli, la Giunta ed il Direttore della Delegazione Martini, realizzeremo presso gli STER un apposito incontro con gli attori economici locali sulle azioni possibili per utilizzare meglio i fondi UE”.

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020