Difensore regionale e Fondazione ISMU alleati per tutelare i diritti dei cittadini stranieri — Lombardi nel Mondo

Difensore regionale e Fondazione ISMU alleati per tutelare i diritti dei cittadini stranieri

Fondazione ISMU si allea con il Difensore regionale per garantire la conoscenza e l’accessibilità dei servizi dell’ombudsman tra i cittadini stranieri, più in difficoltà nei confronti della burocrazia e più esposti sul fronte della tutela dei diritti. Questo quanto emerso nel seminario “Uno di noi. Il Difensore regionale per tutti i cittadini”

Fondazione ISMU, che ha trai suoi soci anche Regione Lombardia, mette a disposizione il suo ricco patrimonio di dati e conoscenze del fenomeno migratorio e delle problematiche relative all’integrazione, grazie all’Osservatorio regionale per l’integrazione e la multietnicità della Lombardia (ORIM) e al coordinamento del Tavolo interprovinciale. Da parte sua l’ufficio del Difensore regionale potrà garantire la raccolta delle richieste di intervento anche on line.

“In questo periodo di crisi economica – ha spiegato il professore Vincenzo Cesareo, segretario generale della Fondazione ISMU – assistiamo a una diminuzione degli ingressi per motivi di lavoro, mentre aumentano i ricongiungimenti famigliari. Questo fenomeno ha come effetto un aumento di richieste di assistenza e welfare che devono essere adeguatamente sostenute”.

Secondo le più recenti stime ORIM, infatti, al 1° luglio 2012 sono stimati in Lombardia 1milione 269mila stranieri provenienti da Paesi a forte pressione migratoria. Gli immigrati residenti nelle province lombarde sono apri al 24% degli stranieri complessivamente presenti in Italia, dato che colloca la Lombardia al primo posto su scala nazionale.

“Gli interventi effettuati dai nostri uffici e che vedono coinvolti cittadini stranieri, non sono tantissimi in numero assoluto ma registrano costanti aumenti di anno in anno. – ha sottolineato Donato Giordano, Difensore regionale della Lombardia -.Questo è uno degli stimoli che ci ha spinto a lavorare per essere accessibili là dove si crea il disagio e la collaborazione con la Fondazione ISMU ci permetterà non solo di essere maggiormente con conosciuti ma di conoscere meglio e prima le problematiche dei migranti”.

Per quanto riguarda gli interventi effettuati dal Difensore regionali i casi trattati riguardano l’accesso alla cittadinanza italiana, il rinnovo dei permessi di soggiorno, i ricongiungimenti famigliari, ma molti riguardavano l’accesso alle case popolari, l’assistenza sociale e il mondo delle carceri.

 

Fonte: www.lombardiaquotidiano.it

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020