Playoff Lega Adriatica di basket. Il Budućnost va in finale, la Crvena Zvezda cade con l’Igokea

Il manuale d’uso dei playoff riporta che, d’abitudine, una squadra costretta a vincere per restare nella serie prevale su un avversario che si presenta all’incontro con la rilassatezza di chi non è all’ultima spiaggia. Il teorema si è applicato, perfettamente, in occasione della partita di ritorno tra Crvena Zvezda e Igokea, valevole per la semifinale della Lega Adriatica, il campionato di pallacanestro che raccoglie il meglio del basket ex jugoslavo.

Avanti 1-0 nella serie dopo una buona vittoria in casa in gara 1, la Zvezda è arrivata sul campo dell’Igokea un po’ troppo leggera mentalmente, finendo, inevitabilmente, per scontrarsi con la determinazione dei padroni di casa.

La compagine di coach Dragan Bajić, infatti, ha condotto l’incontro dal primo all’ultimo possesso, arrivando persino a toccare il +21 di vantaggio nel terzo quarto, riuscendo, così, a contenere il rientro degli ospiti nell’ultima frazione di gioco, fissando il risultato sull’81:68 finale.

Dopo un avvio scoppiettante, con un parziale di 13:2, la squadra della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina ha chiuso il primo tempo sul +14, per poi incrementare il vantaggio nel terzo quarto, e costruire un margine rassicurante atto a congelare la partita.

A guidare la squadra di casa, oltre ad una difesa impeccabile di squadra, sono stati la guardia statunitense Anthony Clemmons con 18 punti, l’esterno Edin Atić con 17, e la guardia tiratrice Stefan Pot con 14.

Per quanto riguarda la compagine di Coach Dejan Radonjić, da segnalare è la prestazione cuore e determinazione della coppia di esterni Ognjen Dobrić e Marko Simonović che, assieme al centro camerunense Landry Nnoko, non si sono arresi, ed hanno guidato la Zvezda nella tentata rimonta dell’ultimo quarto, arrivata fino al -8 a due minuti dalla fine delle ostilità.

Differente la situazione verificatasi nell’altra semifinale, tra Budućnost Podgorica e Mornar Bar, che ha visto i Plavi della capitale vincere, in trasferta, anche gara 2, e conquistare il pass per la finale con un turno di vantaggio.

Piuttosto che il già citato manuale dei playoff, la partita ha seguito i canoni del derby giocato tra due squadre che fanno dell’attacco il proprio punto di forza: ritmi alti, tanta corsa, e vince chi fa un canestro in più dell’avversario.

Partono forti gli ospiti, che chiudono la prima frazione di gioco sul +7 di vantaggio, salvo poi subire un parziale di 13:3 da parte dei padroni di casa, che si rimettono prepotentemente in partita, e vanno alla pausa lunga sul 50:52 di svantaggio.

Al rientro dalla pausa lunga, alla compagine di Coach Dejan Milojević riesce l’allungo decisivo che, a suon di triple, permette al Budućnost di chiudere il terzo quarto sulla doppia cifra di vantaggio, 67:79.

Nel quarto quarto, i Plavi dilagano fino al +15, riuscendo a tenere la compagine di Coach Mihailo Pavićević a distanza di sicurezza, fissando il risultato sul 78:92 finale.

A portare il Budućnost in finale sono stati, sopratutto, i 21 punti del play statunitense Justin Cobbs, assieme ai 17 punti dell’esterno Amedeo Della Valle, dei 14 del centro USA Willie Reed, e dei 10 punti della guardia Nikola Ivanović.

Per quanto riguarda il Mornar, lecito menzionare i 16 punti del play USA Derek Needham, assieme alle prestazioni del centro statunitense Taylor Smith e delle guardie Nemanja Vranješ, Jacob Pullen con 12, 11 e 10 punti rispettivamente a referto.

In attesa di conoscere l’identità delle finaliste, è già noto che sarà lo Studentski Centar di Podgorica a disputare la prossima edizione della Lega Adriatica da neopromossa.

Nella serie di finale della Seconda Lega Adriatica, contro lo Spars Sarajevo, l’Estudiantes del Montenegro ha avuto la meglio, vincendo gara 1 in terra bosniaca per 89:99, per poi cedere, di solo un punto, in casa, nella gara di ritorno.

Da un lato, lo Studentski Centar permetterà al Montenegro di contare ben 3 squadre nella massima serie del campionato adriatico.

Dall’altro lo Spars può ancora giocarsi l’ingresso nella massima serie regionale in uno spareggio con lo Split, 13esimo classificato al termine della stagione regolare della Lega Adriatica.

IGOKEA – Crvena zvezda mts 81:68 (23:13, 22:18, 20:17, 16:20)

Mornar – BUDUĆNOST VOLI 81:92 (20:27, 30:25, 17:27, 14:13)

Griglia Playoff

Crvena Zvezda Beograd – Igokea Laktaši 1:1 (al meglio delle 3 gare)
Budućnost Podgorica – Mornar Bar 2:0 (al meglio delle 3 gare)

Matteo Cazzulani
@MatteoCazzulani

Condividi