Prossima l’inagurazione della mostra “Quattro Storie” a San Francisco — Lombardi nel Mondo

Prossima l’inagurazione della mostra “Quattro Storie” a San Francisco

L’evento, che si terrà dal 25 Marzo al 28 Agosto 2016 è promosso e ospitato dal Museo Italo-Americano al Fort Mason Center – Marina BLVD, BLDG C, CA 94123, San Francisco (California).

Curatori dell’evento sono la Direttrice del Museo Italo-Americano di San Francisco Dr.Mary Serventi Steiner con la collaborazione di Bianca Friundi.

Il titolo della mostra sarà “Quattro Storie“: 4 artisti di cui 2 italiani (Adriano Castelli da MantovaStefano Spagnoli di Parma) e 2 provenienti dagli States (Paulette Long di S.Francisco e Michael Rizza della East Bay, California).
Quattro percorsi che indagano un lungo cammino artistico, poetico di altissima qualità e di ricerca nella tradizione pittorica Italiana e nella pittura e scultura americana.

Nel prestigioso museo hanno esposto le loro opere alcuni tra i massimi esponenti dell’arte Italiana ed è permanentemente sede di una bellissima collezione di arte contemporanea: Emilio Tadini, John Grillo, Benny Bufano, Francesco Clemente, Sandro Chia, Mimmo Paladino, Michele Cascella.

Dopo gli eventi d’inizio anno, dedicati al cinema internazionale (Francis Ford Coppola, Capra, Bertolucci, Scorsese, Tarantino), il Museo Italo Americano, si appresta adesso ad allestire la mostra Quattro Storie” che sarà inaugurata ufficialmente il 24 Marzo 2016. e durerà fino al 28 Agosto 2016.

A rappresentare oltreoceano la città di Mantova e la Lombardia (e insieme al collega Stefano Spagnoli l’Italia), sarà Adriano Castelli.
Per chi ancora non conoscesse l’artista mantovano-lombardo dedicheremo a seguire un sunto della vita professionale artistica:

Dal testo a cura di Vittorio Sgarbi, realizzato nel 1990 in occasione della mostra “Le luci della sera” al Palazzo Ducale di Mantova:

Adriano Castelli, nell’accezione dell’Anacronismo, si rivolge al Postmoderno che, a una pittura giocata sulla rapidità esecutiva, contrappone la lentezza di esecuzione sul modello classico.
In lui rimane simile l’ottica dell’ancoraggio al “già detto”, del ricorso a una memoria intesa come mezzo per filtrare il ricordo e a codificarlo in modo del tutto personale e originale.
Castelli resta un artista del tutto estraneo all’organizzazione di una corrente estetica. E’  interessato alla riflessione sul tempo, all’esercizio della citazione ed alla contaminazione di  iconografie che ripercorrono il solco della tradizione pittorica italiana.
Le ampie stesure di colore, rese in trasparenza, effondono immagini estranianti, ricche di pathos e stupefacenti visioni fuori e al di là del tempo.
In Castelli, tuttavia, è costante il distacco ironico e critico che riscatta questa pittura, l’attualizza e la sottrae all’epoca a cui sembrerebbe appartenere (come da definizione di Flavio Caroli: Castelli sembra un Turner moderno): la sua operazione poetica, come detto, è  debitoria dell’Anacronismo teorizzato e sostenuto da Maurizio Calvesi tra la fine degli anni ’70 e la metà degli anni ’80, ma oggi, come allora, ne evidenzia il carattere provocatorio e gli aspetti di rottura, rispetto alla pratica espositiva delle installazioni e di alcune tecniche multimediali.”

1977:
-Premio città di Mantova (segnalato per la grafica)
1979:
– Premio biennale A.V.I.S. a Suzzara (1° premio per la grafica)
Biennale Quando l’arte si fa religiosa(mostra collettiva) a Mantova

1981:
Biennale Quando l’arte si fa religiosa(mostra collettiva) a Mantova

1982
– “Asola dimensione otto” (mostra collettiva) Palazzo Muncipale, ad Asola
Giovane arte mantovana” (mostra collettiva) a Palidano di Gonzaga
Quattro pittori dal Mincio al Naviglio” (mostra collettiva) alla Galleria Alzaia Naviglio grandeMilano
Lo specchio della memoria” (mostra collettiva) al Palazzo del Comune di Peschiera del Garda
1984
Arte giovane” (mostra personale)all’Istituto Tecnico Industriale di Mantova
– “Premio di pittura riservato ai giovani” con 1° premio per la pittura, svoltosi a Rocca d’Angera, Varese
Premio biennale Roncaglia” (fuori concorso) a S.Felice sul Panaro, Modena
Nuove presenze nuove immagini” (mostra collettiva) al Palazzo Municipale di Gazoldo degli Ippoliti
L’uomo e l’acqua” (mostra collettiva) al Palazzo Ducale di Mantova
1985
Nella luce e nel buio” (mostra collettiva) a Osnabruck in Germania
Nella luce e nel buio” (mostra collettiva) a Casa del Mantegna, Mantova
Nella luce e nel buio” (mostra collettiva) al Palazzo Municipale di Asola
1986
Premio nazionale Santhià” (invitato), premio speciale città di Cremona per la pittura Vercelli
40 Artisti per Wolfgang Goethe” (mostra collettiva) a Torbole sul Garda
– “… sul finire dell’estate” (mostra personale) a Casa di Rigoletto, Mantova
1987
40 Artisti per Wolfgang Goethe” (mostra collettiva) al Palazzo Ducale di Mantova
Itinerari Gonzagheschi” (mostra collettiva) al Palazzo Municipale di Sabbioneta
1988
… am ende des sommers” (mostra personale) a Burgdorf in Germania
Mostra nazionale del manifesto oncologico” con premio speciale per il figurativo , a Mantova 
1989
Natura fluens” (mostra collettiva) al Palazzo Ducale di Mantova
– “Per Isabella” (mostra collettiva) Rocca Possente di Stellata-Bondeno, Ferrara
– “Per Isabella” (mostra collettiva) Casa di Stella dell’Assassino di Ferrara
Premio Suzzara” a cura di: Flavio Caroli, Raffaele De Grada e Renato Barilli a Suzzara

1990

Il mito di Orfeo” (mostra collettiva) alla galleria d’arte Lo Scalone, Mantova
Le luci della sera” (mostra personale) a cura di Vittorio Sgarbi e Benvenuto Guerra al Palazzo Ducale di Mantova
Realismo e Neorealismo“a cura di Vittorio Sgarbi
– “Premio Suzzara” (invitato) a Suzzara
Opere 1979-1990” (mostra personale) Palazzo Municipale di Asola
1991
Le luci della sera” (mostra personale) a Kulturzentrum e Wolfsburg in Germania
– “L’albero di Narciso” (mostra collettiva) a Bovolone, Verona
1992
– “L’albero di Narciso” (mostra collettiva) alla Pinacoteca civica di Quistello, Mantova 
1993
L’albero di Narciso” (mostra collettiva) alla galleria d’arte Atelier di Mantova
1994
Incisori Italiani (mostra collettiva) alla galleria d’arte Atelier di Mantova
Harmonices Mundi” (mostra personale) al Palazzo Municipale di Sirmione
Venature” (mostra collettiva) al Museo D’Arte Moderna di Gazoldo, Mantova
1995
Venature” (mostra collettiva) a Neues Kunst Quartier, Berlino, Germania
1996
Mostra piccolo formato:11×11” (mostra collettiva) alla galleria d’arte Atelier di Mantova
1997
Il segno inciso” (mostra collettiva) alla Pinacoteca Civica di Quistello, Mantova
1998
Premio millenaria Gonzaga“, 2° premio per la pittura Gonzaga, Mantova
L’Apocalisse di Giovanni” (mostra collettiva) al Palazzo Ducale di Mantova
Tracce di Postumia” (mostra collettiva) al Palazzo Municipale S.Miniato, Pisa
Un altro tempo“, illustrazione per il libro di Mina Mondini Bergamaschi
Lo scialle di Pavone” (mostra collettiva) in collaborazione con Luca Bonaffini a Peschiera Del Garda

2000

Il disegno a Mantova 1950-2000” alla Pinacoteca Civica di Quistello, Mantova
Le collezioni del Museo Civico d’Arte Moderna di Gazoldo degli Ippoliti“: video-catalogo con la regia di Carlo Stagnoli
Arte a Mantova 1950-1999” (mostra collettiva) alla Casa del Mantegna di Mantova
Sulle ali del vento” (mostra personale) al Museo d’Arte Moderna di Gazoldo degli Ippoliti, Mantova
2003
Dalle Orobie al Mincio” (mostra collettiva) al Teatro antico di Bergamo
Dalle Orobie al Mincio” (mostra collettiva) a Torre Ala, Mantova
2006
In the Shadow of the Moon” (mostra personale) al National of Catholic Art and Hystory a cura dell’Istituto Italiano di Cultura di New York
2007
I fuochi accesi” (mostra personale) alla Galleria 2 E di Suzzara, Mantova
3 Artisti Mantovani per Charleville (Nicola BiondaniAdriano Castelli e Andrea Iori)”  (mostra collettiva) al Palazzo Municipale di Charleville, Francia

2012

– 54°Biennale di Venezia: ”L’Arte non è cosa nostra
Lo stato dell’Arte”a cura del Prof.Vittorio Sgarbi, Padiglione Nervi del Palazzo delle Esposizioni, Torino
Il paesaggio dell’alto mantovano: arte, identità, territorio” a cura del Prof.Gianfranco Ferlisi, alla Casa del Mantegna, Mantova
2015
Sei Artisti per Haiti (Nicola Biondani, Adriano Castelli, Andrea Iori, Ulrike Nagel, Jean Paul SurinHervè Tonglet), a cura di Vittorio Erlindo al Palazzo Ducale di Mantova nella Sala del Capitano.

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020