RAI International a confronto con il CNE — Lombardi nel Mondo

RAI International a confronto con il CNE

Piero Badaloni incontra la Consulta Nazionale dell’Emigrazione sui nuovi palinsesti dopo l’intesa con il governo per il rinnovo della convenzione. Ecco cosa è emerso dall’incontro.

All’indomani dell’intesa di Rai International con la Presidenza del Consiglio per la firma della convenzione ed al termine di una fase di riorganizzazione avviata all’inizio dell’anno si è svolto l’incontro programmato tra una delegazione della Consulta Nazionale dell’Emigrazione (CNE) ed il Direttore di Rai International Piero Badaloni.

L’incontro che si è protratto per circa due ore in un clima di reciproca attenzione, è stato l’occasione da un lato per una illustrazione degli elementi d’innovazione introdotti e da introdurre e degli impegni legati alla rinegoziazione della convenzione  e dall’altro di illustrazione delle impostazioni e dei contenuti ritenuti dalla CNE come utili al rilancio qualificato di Rai International.

Per la CNE erano presenti e sono intervenuti  A.  Lorenzi, L. Garavini,  R. Ricci e R. Volpini.

Il Presidente della CNE Rino Giuliani ha sottolineato l’esigenza  della compresenza del pluralismo, della qualificazione degli operatori e della produzione di prodotti culturalmente validi scelti dalle produzioni Rai ed autoprodotti, di un accesso ai programmi più ampio ed a costi ragionevoli.

Dobbiamo mirare alle nuove generazioni , ha aggiunto Giuliani, agli oriundi ed agli stranieri interessati all’Italia, occorre una informazione di ritorno che l’intero servizio pubblico s’incarichi di veicolare nelle case degli italiani.

Il Direttore Piero Badaloni ha illustrato le iniziative in atto per diversificare i prodotti  garantendo il pluralismo culturale attraverso palinsesti che tengano conto delle fasce di età e delle esigenze delle diverse realtà continentali.

Dalla collaborazione con altri settori produttivi e testate  interni  il canale generalista  vedrà affiancata  molta informazione trasmessa nelle ore utili dei paesi d’accoglienza e lo sport.

Un vero e proprio network articolato e ricco di proposte nuove.

I sottotitoli in inglese e spagnolo avvicineranno di più quanti interessati alla nostra lingua ed alla nostra cultura  non sono, al momento, in grado di poterle apprezzare in pieno.

Il Direttore Badaloni e la CNE alla fine dell’incontro hanno constatato un  comune  largo sentire in merito alle risposte da dare alle nuove domande d’informazione dell’articolato mondo delle  nostre comunità all’estero oggi in cambiamento, concordando sulla utilità degli apporti della CNE nei programmi che possano valorizzare il ruolo di proposta e le esperienze dell’associazionismo e di incontri periodici  sull’attività di Rai International. L’attuale fase di cambiamento richiede  infatti  anche un supplemento di rappresentanza e di partecipazione

L’associazionismo, ha sottolineato Giuliani,  con il suo ruolo di promozione sociale e di rappresentanza dei cittadini utenti presenti all’estero è in grado di organizzare e raccogliere la customers satisfaction e di partecipare come uno dei soggetti interlocutori al miglioramento della qualità dei servizi prodotti.

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020