RIFINANZIATA L’INIZIATIVA CHE HA RISCONTRATO IL FAVORE DEI CITTADINI

INCENTIVI AUTO, FONTANA E CATTANEO: DA REGIONE 30 MILIONI DI EURO PER SOSTITUIRE I VEICOLI PIÙ INQUINANTI, INVESTIAMO RISORSE PUNTANDO SU INNOVAZIONE

 Da giovedì 17 giugno, sul tema degli ‘incentivi auto’, sarà online il nuovo bando da 30 milioni per la sostituzione dei veicoli inquinati.
Lo comunicano il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e l’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo. Dopo il successo del bando di febbraio da 18 milioni (16,2 per le auto e 1,8 per le moto) la Giunta regionale ha dunque approvato un nuovo provvedimento che modifica e integra la misura precedente.

UN IMPEGNO MULTIDISCIPLINARE, PUNTIAMO SULL’INNOVAZIONE – “La Regione – spiega Attilio Fontana – sta incrementando le iniziative in modo multidisciplinare per combattere l’inquinamento con metodicità. Un impegno che va necessariamente in ogni direzione. Per farlo occorre anche essere innovativi: per questo puntiamo anche sulla ricerca nei centri specializzati e nelle università, sostenendo le loro azioni”.

“Guardiamo al miglioramento della qualità dell’aria – aggiunge l’assessore Cattaneo – per rispondere alle esigenze dei cittadini. In attuazione del Piano regionale degli interventi per la qualità dell’aria (Pria) e dell’Accordo di bacino padano 2017”.

MISURA IMPORTANTE E CONCRETA, INVESTIAMO MOLTE RISORSE – “La misura odierna – sottolinea ancora il presidente Fontana – è importante e concreta, va nella giusta direzione. Affronta un problema reale e molto sentito, con un’azione ampia, sulla quale Regione investe significative risorse economiche”.

STIMOLATO IL RINNOVO DEL PARCO AUTO – “Abbiamo deciso di anticipare i 18 milioni di euro destinate al 2022 – dice l’assessore all’Ambiente – e di integrarli con altri 12 milioni, per un totale di 30 milioni di euro, così da incentivare da subito l’acquisto di veicoli a bassissime o zero emissioni. In modo da aiutare a svecchiare e rinnovare il parco auto circolante. Il successo dello scorso bando è stato davvero impressionante: tutte le risorse sono state esaurite in 25 ore per un totale di 3.209 cittadini beneficiati. Una manifestazione della sensibilità dei lombardi sul tema che lancia un segnale chiaro a tutte le Istituzioni. Per questo motivo abbiamo anticipato le risorse, per rispondere a una esigenza sentita”.

“Regione Lombardia – ricorda Cattaneo – conferma la concretezza della propria linea politica basata sugli incentivi e sulla valorizzazione dei comportamenti virtuosi dei cittadini. Questa è solo una delle linee di azione sulla qualità dell’aria che stiamo portando avanti. Si affianca a quelle per ridurre le emissioni degli impianti di riscaldamento civile e delle attività produttive agricole. Inoltre, per chi nonostante gli incentivi non può sostituire l’auto, può continuare a circolare utilizzando Move-in, che auspichiamo venga presto introdotto anche dal Comune di Milano, col quale il 17 giugno abbiamo chiesto un incontro tecnico”.

BANDO MOTO – La linea di incentivazione per motocicli e ciclomotori non ha invece fatto riscontrare il risultato sperato, dunque la misura verrà chiusa al 30 giugno. Regione ha deciso quindi di lavorare con le associazioni di categoria per riproporre un bando sul target con dei criteri aggiornati.

TIPOLOGIE DI ACQUISTO POSSIBILE – L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto per l’acquisto acquisto di un’autovettura categoria M1 (ai sensi dell’art. 47 del Codice della Strada) di nuova immatricolazione o immatricolate successivamente al 1° gennaio 2020, intestata a una casa costruttrice di veicoli o a un venditore/concessionario, in grado di garantire bassissime o zero emissioni di inquinanti sulla base del principio della neutralità tecnologica, basata sui valori di emissione degli inquinanti Pm10, Nox e Co2.

L’acquisto deve essere contestuale alla radiazione di un’auto per demolizione (fino a Euro 2/II a benzina incluso o fino Euro 5/V diesel incluso) o per esportazione all’estero (solo Euro 5/V diesel).

L’obbligo di radiazione non si applica nel caso di acquisto di veicoli elettrici puri (o a idrogeno), a fronte di una riduzione del contributo massimo previsto.

Per la linea di finanziamento B, sarà necessaria l’applicazione dello sconto di almeno il 12% da parte del venditore sul prezzo di listino del modello base, al netto di eventuali allestimenti opzionali o di almeno 2.000 euro nel caso di autovetture ?a zero emissioni’; il contributo è cumulabile solo con gli incentivi statali; la proprietà del veicolo da rottamare deve essere antecedente al 1° gennaio 2020; è previsto l’obbligo di tenere la proprietà del veicolo acquistato per almeno 24 mesi successivi all’intestazione del veicolo.

GLI INCENTIVI PREVISTI PER LE AUTOMOBILI – I contributi sono stati ridotti del 50% rispetto a quanto previsto dal precedente bando per consentire di allargare l’incentivazione a un numero maggiore di cittadini.
In particolare, di seguito ecco gli incentivi per classi di appartenenza delle auto:

  • 4.000 euro per auto a zero emissioni (elettrica pura o idrogeno); 2.000 euro (senza radiazione);
  • 2.500 euro per auto con emissioni di Co2 ≤60 g/km e NoX ≤ 85.8 mg/km (euro 6D benzina, metano, gpl o ibride);
  • 2.000 euro per auto di Co2 ≤60 g/km e con NoX ≤ 126 mg/km (euro 6D-Temp benzina, metano, gpl o ibride oppure euro 6D diesel);
  • 2.000 euro per auto con emissioni 60<Co2≤110 g/km e con NoX ≤ 85.8 mg/km (euro 6D benzina, metano, gpl o ibride);
  • 1.500 euro con emissioni 60<Co2≤110 g/km e con NoX ≤ 126 mg/km (Euro 6D-Temp benzina, metano, gpl o ibride oppure Euro 6D diesel);
  • 1.500 euro con emissioni 110<Co2≤145 g/km e con NoX ≤ 85.8 mg/km (Euro 6D benzina, metano, gpl o ibride);
  • 1.000 euro con emissioni 110<Co2≤145 g/km e con NoX ≤ 126 mg/km (Euro 6D-Temp benzina, metano, gpl o ibride oppure Euro 6D diesel).

IL RISPARMIO PER I CITTADINI – Di seguito l’importo complessivo ottenibile dai cittadini comprensivo degli incentivi nazionali:

  • 14.000 euro per un veicolo a zero emissioni in caso di radiazione di veicolo inquinante (4.000 euro regionali, 8.000 euro statali e 2.000 euro di sconto obbligatorio del concessionario);
  • 9.000 euro per un veicolo a zero emissioni senza radiazione di veicolo inquinante (2.000 euro di contributi regionali, 5.000 euro statali e 2.000 di sconto obbligatorio del concessionario);
  • circa 9.000/10.000 euro per un veicolo a emissioni Co2 < 60 g/km in caso di radiazione di veicolo inquinante (2.000/2.500 euro regionali, 4.500 euro statali e 12% sconto obbligatorio da parte del concessionario).

L.News

 

Condividi