“Salviamo una biblioteca”, iniziativa per la tutela del patrimonio culturale italiano. — Lombardi nel Mondo

“Salviamo una biblioteca”, iniziativa per la tutela del patrimonio culturale italiano.

“CHARTA”, rivista leader del collezionismo librario in Italia, in occasione dell’ uscita nelle edicole del n. 100, ha deciso di promuovere una nuova iniziativa per la salvaguardia e la tutela del patrimonio culturale italiano: “SALVIAMO UNA BIBLIOTECA”.

“CHARTA”, rivista leader del collezionismo librario in Italia, in occasione dell’ uscita nelle edicole del n. 100, ha deciso di promuovere una nuova iniziativa per la salvaguardia e la tutela del patrimonio culturale italiano: “SALVIAMO UNA BIBLIOTECA”.

Obiettivo del progetto è quello di restituire al patrimonio culturale del nostro Paese una biblioteca, pubblica o privata, di notevole valore storico e bibliografico, nonché raccolte librarie custodite da Enti o comunità che necessitino di restauri, catalogazioni, ricostruzioni per essere nuovamente in grado di aprirsi al pubblico.

Per il primo atto di questa iniziativa i responsabili di “CHARTA” hanno voluto scegliere la Villa Reale di Monza lanciando in accordo con il Comune e l’Associazione delle Residenze Reali di Monza il progetto “SALVIAMO LA BIBLIOTECA DEI RE D’ ITALIA”.

Dopo una riflessione preliminare storica e metodologica sull’avvenuta dispersione della biblioteca di Vittorio Emanuele III, il progetto si propone il recupero materiale dei volumi che, nel tempo, formarono via via la biblioteca di Eugene de Beauharnais, poi quella di Ferdinando II, di Ranieri d’Austria fino ad Umberto I di Savoia.

Si tratta del primo passo per ricollocare all’interno della Villa Reale di Monza un’adeguata collezione bibliografica “di” e “su” i Re d’ Italia.

“L’iniziativa attuata dal Comune di Monza in collaborazione con la prestigiosa rivista CHARTA punta a ridare vita a una parte importante del patrimonio storico librario legato alla presenza dei Re d’Italia nella Villa Reale – sottolinea Martina Sassoli Assessore al Sistema Bibliotecario Urbano – Riteniamo che questa collezione di inestimabile valore possa e debba essere recuperata diventando, per la prima volta, patrimonio di tutti. Si tratta certamente di una raccolta che ci permetterà, attraverso la vita dei reali, di raccontare la storia di Monza che li ha ospitati per poco più di un secolo, dalla fine del ‘700 al 29 luglio del ‘900. Qualche collezionista, in sede di sondaggio preliminare, ha già risposto positivamente e ciò ci fa ben sperare anche se l’operazione non si annuncia facile”.

“Il tentativo è quello di ricollocare all’interno della Villa Reale – afferma Pierfranco Maffè Assessore con delega alla tutela dello storico palazzo – un pezzo importante della bibliografia dei Re d’Italia che hanno trascorso parte della loro vita nella nostra città, da Maria Teresa d’Austria a Umberto I di Savoia. Si tratta di un’operazione di sensibilizzazione che portiamo avanti attraverso l’autorevole editore di CHARTA, promotore dell’iniziativa che punta al recupero materiale dei volumi finiti in varie collezioni private”.

L’iniziativa verrà presentata ufficialmente sabato 8 novembre alle ore 17 presso la Villa Reale di Monza nel corso di un evento che vivrà su diversi momenti legati alla storia del libro ed ai personaggi che nei secoli si sono succeduti nella residenza reale monzese, con una conversazione sul valore culturale del collezionismo alla quale parteciperà anche lo scrittore e semiologo Umberto Eco.

 

http://www.monzalacitta.it/cronaca/news/domani-presentazione-progetto-salviamo-la-biblioteca-del-re-d-italia-6579.html

Document Actions

Share |


Lascia un commento

lunedì 27 Gennaio, 2020