Riccardi: con Eco scompare un grande testimone della lingua italiana — Lombardi nel Mondo