Papini, da Bergamo a Teheran «Vince il valore della sartorialità» — Lombardi nel Mondo