A Barcellona, dallo stage al tempo indeterminato — Lombardi nel Mondo