Il festival Margola e i suoni «veri» — Lombardi nel Mondo