Fabbian e Paletti, parole e musica in Latteria — Lombardi nel Mondo