Cremona. IL CAPOLAVORO RITROVATO — Lombardi nel Mondo