Basket Europa. Split tenta l’allungo in Croazia

Il basket è anche una questione di percentuali: per questo, lo Split ha buone ragioni per sorridere all’indomani della prima giornata del girone di ritorno della prima fase del campionato nazionale della Croazia, nella quale la compagine dalmata, con un’importante vittoria al vertice contro il Cedevita Junior di Zagabria, ha scavalcato i rivali al primo posto.

Per i gialloneri di Dalmazia, tuttavia, la pratica non è stata semplice. Avviata la partita in maniera convincente, lo Split ha subìto la reazione degli ospiti, capaci di superare gli avversari ed arrivare sino a dodici lunghezze di vantaggio. È a questo punto che la squadra erede della gloriosa Jugoplastika si è rimessa in moto e, con un parziale di 34-14 in dodici minuti, ha dapprima ripreso il Cedevita Junior, per poi toccare gli otto punti di vantaggio a quattro minuti dal termine, finendo per amministrare il vantaggio fino al 78-74 conclusivo.

A trascinare la compagine di coach Srđan Subotić è stato il lungo Darko Bajo, capace di prendere in mano la squadra durante la rimonta, e di chiudere l’incontro con 16 punti, assieme alla guardia tiratrice Maj Kovačević, neoacquisto capace di mettere a segno 13 canestri, ed il playmaker Nejc Barič con 10 panieri.

Nonostante la sconfitta, la squadra allenata da coach Damir Mulaomerović, guidata sul campo dal play Josip Batinić e dal centro Jure Planinić, con 19 e 17 punti rispettivamente, è degna di plauso, essendo riuscita a tenere testa agli avversari nonostante le partenze “pesanti” di Sven Smajlagić e Fran Jacović (ceduti durante la pausa nazionali rispettivamente al Nevežis in Lituania e al Zabok in Croazia), ed un’assenza dal basket giocato di diverse settimane per via di diversi casi di covid.

Con la vittoria, Split supera il Cedevita Junior al primo posto in classifica per via della percentuale tra partite giocate e partite vinte. Altresì, i dalmati ribaltano la differenza canestri che, finora, vedeva i dalmati con un deficit di due punti nei confronti delle “vitamine” nero-arancio.

Zadar c’è (in Lega Adriatica), il Cibona no


A caratterizzare la prima giornata di ritorno, oltre alla soprendente sconfitta casalinga del Cibona Zagabria contro il fanalino di coda Alkar, è stata la sospensione della partita che lo Zadar avrebbe dovuto giocare a Zabok causa covid tra le fila dei padroni di casa.

<Per i campioni di Croazia in carica, tuttavia, il weekend ha portato sorrisi ed importanti indicazioni tecniche, grazie alla vittoria esterna sul Cedevida Olimpija Ljubljana in Lega Adriatica.

Chiamati a fare punti in ottica salvezza, i dalmati sono riusciti a condurre l’incontro dall’inizio alla fine, costruendo un vantaggio tanto considerevole da permettere di contenere il fisiologico, benché tardivo, rientro dei padroni di casa nel finale.

Per la compagine di coach Vladimir Anzulović, a risaltare sono stati la guardia USA di passaporto slovacco Justin Carter con 19 punti, i play Marko Junaković e Dominik Mavra con 14 punti ciascuno, e il centro statunitense Trevor Thompson, di recente prelevato dai Twarde Pierniki Toruń, con 9 panieri.

Matteo Cazzulani
@MatteoCazzulani

Classifica dopo 12 giornate (vittorie-sconfitte)

Split 10-2 (83%)
Zadar 9-2 (82%)
Cedevita Junior 7-2 (78%)
Cibona 8-4 (67%)
Gorica 7-5- (58%)
Škrljevo 6-5 (54%)
Zabok 4-6 (40%)
Sonik Puntamika 4-6 (40%)
Osijek 3-8 (27%)
Furnir 3-9 (25%)
Šibenka 3-9 (25%)
Alkar 3-9 (25%)

lunedì 6 Dicembre, 2021