Convention Repubblicana a Tampa: un futuro migliore. — Lombardi nel Mondo

Convention Repubblicana a Tampa: un futuro migliore.

Il tema della convention repubblicana di Tampa “Un futuro migliore. Noi possiamo far meglio ” tende a evocare una visione dell’America distrutta dall’amministrazione democratica di Barack Obama, con un cambiamento positivo possibile soltanto con l’elezione di un presidente repubblicano.

La convention del partito repubblicano in corso a Tampa dal 27 agosto 2012, e ridimensionata a causa dell’incombente uragano Isaac, ha ribadito il programma repubblicano basandolo soprattutto sulla forza dell’America che da il massimo durante i tempi difficili.

Gli americani, determinati, lavoratori e orgogliosi che desiderano lasciare un’eredità colma di possibilità illimitate ai propri figli. Gli americani che stanno soffrendo adesso a causa della disoccupazione, della povertà e di un debito pubblico creato dal fallimento di un presidente

Gli americani che non ne possono più di lui, della sua visione politica sbagliata,  ma che nonostante tutto continuano ad avere fiducia in se stessi, e che sono fermamente convinti che al pari delle generazioni passate riusciranno a far fronte alle nuove sfide con una leadership coraggiosa e capace.

L’America che professa la libera iniziativa dove il successo dei propri figli viene esaltato e non attaccato; l’America che si complimenta per l’istruzione e il duro lavoro dei suoi figli e li premia;  l’America di chi paga le tasse e dei funzionari pubblici che gestiscono responsabilmente i bilanci; l’America senza barriere nel mondo del lavoro dove i figli hanno più successo dei genitori; l’America che non viene mai meno al compito di assistere i propri anziani, i meno fortunati e i reduci di guerra che l’hanno resa libera con il loro sacrificio.

Questa America a cui Barack Obama ha promesso molto, ma a cui ha dato ben poco : il periodo più lungo di disoccupazione dalla depressione, paghe inferiori per il ceto medio,  aumento del debito pubblico, speranze deluse e sogni svaniti.

Mitt Romney e Paul Ryan stanno preparando un piano ottimista e soprattutto  realizzabile per migliorare le opportunità e il benessere generale di tutti i ceti sociali, indipendentemente dall’età e dal gruppo etnico di appartenenza.

Mitt Romney si rifiuta di credere a un’America del futuro afflitta da  disoccupazione a lungo termine e da diffusa povertà. Non accetterà mai il sorpasso o la mancanza di competitività dell’operaio americano.

Mitt Romney sa di poter fare meglio.

Ernesto R Milani

ernesto.milani at gmail.com

27 agosto 2012

Document Actions

Share |


Lascia un commento

martedì 28 Gennaio, 2020